Bancarotta Central Park, lunedì gli interrogatori di garanzia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1327

L'AQUILA. Si terranno lunedì prossimo gli interrogatori di garanzia dei tre responsabili della bancarotta fraudolenta della società di abbigliamento Central Park.

Prima del sisma del 6 aprile 2009 la ditta si trovava in via Sallustio, nel centro storico della città. La data degli interrogatori è stata fissata questa mattina dal Gip del Tribunale dell'Aquila, Giuseppe Romano Gargarella, dopo aver firmato ieri le tre misure cautelari degli arresti domiciliari per Francesco Giannone di 57 anni, Vinicio Conio di 75 anni, entrambi dell'Aquila ed Ettore Lucci di 66 anni di San Demetrio ne' Vestini.

Al centro della vicenda le cause del fallimento della 'Progetto S.r.l.', impresa aquilana operante nel commercio di abbigliamento ed accessori.

Le indagini dei militari del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza dell'Aquila, sono partite dall'esame della relazione del curatore fallimentare della "Progetto S.r.l.", e si sono sviluppate con esami testimoniali, investigazioni finanziarie, contabili e tributarie ed hanno rivelato la sottrazione dalle casse sociali, perseguita con sistematicità negli ultimi difficili anni dell'impresa, di risorse finanziarie (soprattutto incassi delle vendite in contanti e con sistemi di pagamento elettronico) per 1 milione e 150 mila euro da parte del titolare dell'azienda. Giannone nel disperato tentativo di sottrarsi agli effetti del fallimento e continuare ad operare finche' possibile,avrebbe simulato, secondo l'ipotesi accusatoria, un cambio della compagine amministrativa dell'impresa, utilizzando suoi fiduciari compiacenti ed un'altra societa', la 'Time S.r.l.', per presentarsi senza debiti dai fornitori.

Le indagini della Guardia di Finanza hanno pero' rivelato la riconducibilita' sostanziale di quest'ultima in capo all'imprenditore fallito che, nei giorni successivi al terremoto, si è attivato personalmente per recuperare la merce della Time S.r.l dagli esercizi inagibili del centro storico di L' Aquila. 

03/11/2011 15.59