Castelvecchio, masso di 50 chili cade sulla strada, «necessaria la messa in sicurezza»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1345

CASTELVECCHIO SUBEQUO. Giovedì scorso alle ore 21,30 nella zona Mulino San Antonio un masso di circa 50 chili è caduto lungo la strada senza provocare disagi al transito dei veicoli.

L’evento si è verificato in una zona in cui sono posizionate le reti paramassi. «L’Anas è intervenuta in modo celere», racconta il presidente del comitato Pro Valle Subequana, Berardino Musti, «ed ha fatto eseguire un sopralluogo alla ditta che ha effettuato i lavori di messa in sicurezza». Nel corso della verifica si è potuto costatare che il masso era posizionato al di sotto delle reti paramassi, impigliato fra gli alberi e con molta probabilità la causa della sua caduta è stata determinata da eventi atmosferici o addirittura dal passaggio dei cinghiali. Nel giugno – luglio 2009, è stata effettuata
la bonifica di tutta la parte rocciosa antistante la zona del Mulino di San Antonio; la maggior parte dei massi si è riversata sulla strada ma alcuni di essi sono rimasti incagliati fra gli alberi sottostanti le reti paramassi. Il presidente della Comunità Montana Sirentina, Luigi Fasciani, il sindaco di Castelvecchio Subequo, Pietro Salutari, e il Comitato Pro Valle Subequana ha fatto richiesta all’Anas di bonificare tutta la parte sottostante le reti paramassi per prevenire un'altra caduta di massi. «Abbiamo avuto anche un incontro, nelle Gole di San Venanzio, con la società incaricata dall’Anas per il progetto esecutivo delle tre gallerie paramassi, che stava effettuando gli ultimi rilievi in loco», spiega Musti.
«I tecnici ci hanno assicurato che nella prossima settimana o al massimo fra dieci giorni presenteranno il progetto esecutivo all’Anas, quindi all’Anas non rimane altro che indire una gara d’appalto per l’esecuzione dei lavori».
Il presidente della Comunità Montana Sirentina nei giorni scorsi ha avuto un incontro con l’assessore alla viabilità Giandonato Morra a cui ha fatto richiesta di integrare, qualora ve ne fosse bisogno, la somma mancante per la realizzazione della terza galleria paramassi, zona Mulino San Antonio. L’assessore si è detto disponibile ad integrare la parte mancante ma tutto dipende dalle risorse a sua disposizione. Il Comitato Pro Valle Subequana è certo che la sicurezza nelle Gole di San Venanzio ormai sia una realtà ma «nonostante ciò, crediamo che questo sia il momento in cui debba esserci la massima vigilanza, sia da parte del Comitato ma soprattutto da parte dei nostri amministratori. In questa fase di particolare importanza può essere cruciale, con una specifica azione, un loro intervento presso la Regione e sarebbe auspicabile che la Regione non lasciasse da sola l’Anas che, pur avendo a disposizione un finanziamento di 7.500.000 euro, non sarebbe in grado di coprire il costo complessivo per la realizzazione delle tre opere».

17/10/2011 9.03