«Ho affilato il coltello, ti resta poco da vivere», un arresto a Paganica

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1165

PAGANICA. Ieri sera i carabinieri di Paganica hanno arrestato Eugen Macinca, di 41 anni, operaio edile romeno per maltrattamenti in famiglia.

La misura restrittiva è scaturita dopo le indagini che i militari avevano intrapreso a seguito della denuncia della moglie la scorsa primavera. La donna lamentava di essere continuamente sottoposta a vessazioni morali e fisiche da parte del marito. Le minacce erano particolarmente umilianti e consistevano in affermazioni del tipo «ho preparato ed affilato bene il coltello...ti è rimasto poco da vivere...io ti ammazzo...». L'uomo non disdegnava di picchiare la moglie, dice l'ipotesi accusatoria, arrivando quasi a soffocarla, tanto che in una di queste circostanze la figlia minore si era trovata costretta ad intervenire in soccorso della madre, rimediando così di essere picchiata a sua volta violentemente.

Secondo quanto emerso nel corso delle indagini l'uomo in una circostanza ha tagliato una parte dell'apparecchio dentale della figlioletta con delle cesoie, rinfacciandole di averlo pagato con denaro suo. Lo stesso, dicono sempre i carabinieri, era solito molestare la figlia col fumo di sigaretta mentre lei era intenta a fare i compiti, le si avvicinava infastidendola in quanto perennemente ubriaco. Quanto al figlio maschio, il padre spesso andava ad orinare sul pavimento della sua cameretta da letto, per poi insultarlo con appellativi di vario genere.

La situazione era diventata a tal punto insostenibile che la donna si è trovata costretta a denunciare i fatti ai carabinieri che hanno svolto serrate indagini, acquisendo referti medici e testimonianze dei vicini di casa i quali spesso avevano assistito ad episodi di quel genere. Di qui la richiesta di applicazione di misura cautelare da parte del pm D'Avolio. L'uomo è stato condotto al carcere di Avezzano dove entro 5 giorni dovrà essere interrogato dal gip.

30/09/2011 9.49