Aeroporto Preturo, firmato accordo con usi civici. Il Comune si mette in regola

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2578

L’AQUILA. Sarà chiamata a gestire tutto l’aeroporto ma almeno, ora, potrà disporre di quell’area dello scalo che non  ricadeva sotto il suo controllo.

Così il sindaco de L’Aquila, Massimo Cialente, ha firmato ieri mattina un accordo transattivo con l’amministrazione dei beni separati di uso civico di Preturo, rappresentata dal presidente Antonio Nardantonio, per l’utilizzo dei terreni gravati da uso civico compresi nell’area dell’aeroporto dei Parchi. Sulla base del documento sottoscritto il Comune dell’Aquila si impegna a versare all’amministrazione separata di Preturo (usi civici) la somma di 50.000 euro annui, per la durata di 40 anni, ai fini dell’utilizzo dei terreni ricadenti nell’area aeroportuale. L’amministrazione degli usi civici, da parte sua, si impegna a destinare le risorse per realizzare interventi e progetti sul territorio.

Una mossa che ha messo (almeno sembra) fine ad una storia che si trascina da anni e che ruotava intorno ad una domanda:  Come poteva il Comune de L’Aquila disporre dell’area come proprietaria assoluta e quindi firmare convenzioni, indire bandi di gara (uno nel 2009 e l’altro nel 2011 per la sua gestione) pur non avendone titolo? 

A far scoprire l’insospettabile errore fu l’amministrazione degli usi civici di Preturo che chiese all’Air club (società di volo con cui il Comune aveva una Convenzione dal 5 marzo 1968),  la restituzione delle aree vincolate.

«Il Comune de L’Aquila», si legge nel lodo arbitrale seguito alla convenzione, «ha concesso all’Air club aree gravate da usi civici senza aver ricevuto prima l’autorizzazione regionale per il mutamento di destinazione (violazione dell’art 12 della legge del 16-6-1927 numero 1766) ». E ciò invalidava parzialmente la convenzione del 5-3-1968.

Ora,  il sindaco, Massimo Cialente, ed il vice sindaco, Gianpaolo Arduini, salutano con soddisfazione questo “traguardo” non facendo alcun cenno alla storia passata ma guardando fiduciosi al futuro, come a dire «il passato è passato, è ora di  andare avanti».

«Si tratta di un risultato importante per il nostro aeroporto dei Parchi», ha commentato il primo cittadino, « per il quale devo ringraziare il lavoro e l’impegno dimostrato dal settore Ambiente e dal settore sviluppo del sistema aeroportuale del Comune. Gli fa l’eco il vice sindaco Arduini che afferma: «l’accordo con l’amministrazione separata dei beni di uso civico inaugura una nuova fase nei rapporti con l’amministrazione separata(usi civici), che vede un coinvolgimento ed una reale compartecipazione delle comunità locali allo sviluppo dell’aeroporto. Una sinergia grazie alla quale si può guardare lontano e che costituisce  un ulteriore tassello per la realizzazione del progetto complessivo di valorizzazione e sviluppo dell’aeroporto».

m.b.  16/09/2011 8.21