Trasporti, Arpa, sospeso il taglio delle corse dopo il ricorso al Tar

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1045

ACCIANO. L’amministrazione comunale di Acciano è l’unica ad aver presentato ricorso al Tar per chiedere il ripristino delle corse Arpa.

Il taglio era arrivato con una determina direttoriale operativa dalla fine di maggio. Ora proprio il Tribunale amministrativo ha dato ragione al Comune, decretando la sospensiva della determina direttoriale ed aprendo la strada al ripristino delle corse. «Ma la guardia resta alta», dicono dal Comune, «e se non saranno ripristinate le corse si andrà avanti fino a ricorrere ad un giudizio di ottemperanza».

Le corse che devono essere ripristinate sono quella delle 8 (Sulmona L’Aquila) e quella delle 12:25 (L’Aquila Sulmona). Il taglio era avvenuto senza tenere in considerazione le necessità dei residenti e senza interpellare gli amministratori del territorio interessato. Gli stessi, al contrario, hanno chiesto intermediazione ed interesse politico, proponendo soluzioni diverse e comunque sempre tese alla salvaguardia del diritto alla mobilità dei cittadini. «Nessuno ha voluto ascoltare e questa sordità ha spinto  l’amministrazione comunale di Acciano a muoversi», commenta soddisfatto il sindaco Fabio Camilli. «Abbiamo creduto doveroso ricorrere al Tribunale amministrativo per questa riduzione delle corse sul territorio, operata  senza il coinvolgimento della nostra amministrazione comunale e dei sindaci degli altri paesi interessati. Un atto che ha impoverito il nostro territorio in termini di servizi. Ora questa ordinanza ci riconsegna un diritto che era stato negato. Vigileremo affinché il provvedimento del Tribunale venga rispettato e si torni al ripristino del servizio nel più breve tempo possibile».

Diritti da difendere con i denti nelle zone interne come la Valle Subequana. Infatti, in questo caso, il taglio di due corse autobus equivale a ridurre del 50% il servizio di mobilità pubblica. «Siamo soddisfatti per questa ordinanza che ristabilisce il diritto alla mobilità dei cittadini», ha detto l'avvocato aquilano Francesco Rosettini che ha curato il ricorso del Comune di Acciano contro la Regione Abruzzo e l’Arpa.

14/09/2011 9.10