Metanodotto Snam, i comitati ambientalisti in Parlamento

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3245

ROMA. Questa mattina a Roma presso l'ottava commissione parlamentare Ambiente è prevista una audizione dei rappresentanti dei comitati ambientalisti di Abruzzo, Umbria e Marche.

ROMA. Questa mattina a Roma presso l'ottava commissione parlamentare Ambiente è prevista una audizione dei rappresentanti dei comitati ambientalisti di Abruzzo, Umbria e Marche.

Si tratta di quei cittadini che si oppongono al «devastante progetto» della Snam: il metanodotto Brindisi-Minerbio di 687 km e la centrale di compressione a Sulmona.

L'iniziativa è nata in seguito alla risoluzione presentata dai parlamentari del Pd Mariani, Lolli, Vannucci e Verini.

Oltre ai comitati saranno ascoltati i rappresentanti degli Enti Locali coinvolti.

In questa prima fase sono state convocate alcune Regioni e Comunità Montane, mentre agli altri Enti (compresi Comuni e Province) è riservata una successiva audizione.

Per l'Abruzzo prenderanno parte all'incontro Mario Pizzola, per i comitati e Antonio Carrara, presidente della Comunità Montana Peligna.

La questione del megagasdotto  della Snam già era stata portata all'attenzione del Parlamento nazionale attraverso interrogazioni presentate da diversi gruppi politici.

«La decisione della Commissione Ambiente di dare luogo alle audizioni è una riprova della importanza che la "questione Snam" è andata via via assumendo», commentano con soddisfazione dai comitati, «divenendo ormai un problema di livello nazionale; nello stesso tempo testimonia la fondatezza delle ragioni che un movimento molto ampio, con il supporto di autorevoli argomentazioni scientifiche, oppone a scelte - quali quelle operate dalla Snam con l'acritico avallo del governo nazionale - che appaiono invece molto deboli  e contraddittorie sotto il profilo tecnico».

L'auspicio è che l'iniziativa della Commissione Parlamentare  «sia il preludio di una chiara inversione di rotta  rispetto alle decisioni finora prese e che stanno sollevando forti proteste in tutte le aree attraversate dal megagasdotto».

05/07/2011 8.55