Sulmona bando pubblico per la costruzione di 22 cappelle cimiteriali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1659

SULMONA. E’ stato pubblicato in data odierna l’avviso per la concessione di 22 aree all’interno del cimitero comunale, destinate alla  costruzione di altrettante cappelle cimiteriali private.

Entro i prossimi 30 giorni sarà possibile richiedere al Comune, sugli appositi moduli, la concessione di un’area, che verrà ceduta a tempo determinato, ossia per 75 anni. La cappella  potrà essere destinata alla sepoltura di persone che, in base al Regolamento di Polizia Mortuaria, sono decedute nel territorio comunale; sono morte fuori dal territorio ma hanno avuto la residenza anagrafica nel Comune di Sulmona;  i defunti con stretti legami di parentela con i residenti nel Comune.

Una volta formata la graduatoria, in base all’ordine cronologico di arrivo al protocollo dell’Ente, l’Amministrazione provvederà a contattare i richiedenti per sottoporre loro le aree disponibili.

La tariffa di concessione è fissata in 1400 euro a metro quadrato; 5 le tipologie di lotti disponibili, rispettivamente di 18,70 mq (4 lotti); 22 mq (1 lotto); 16 mq (3 lotti); 13,48 mq (1 lotto); 16 mq (13 lotti).

Lo spazio complessivo disponibile per l’edificazione è di 366 mq. Dalla vendita dei 22 lotti, il Comune conta di incassare quasi 513 mila euro.

«Ormai da molti anni i concittadini non avevano a disposizione, nel nostro monumentale cimitero, aree per la costruzione di cappelle private. Perciò», ha spiegato l’assessore all’Urbanistica, Gianni Cirillo «abbiamo voluto raccogliere le tante istanze che quotidianamente pervenivano all’Amministrazione e individuare questi nuovi lotti, in considerazione del fatto che molti credenti chiedevano proprio una cappella privata dove custodire le spoglie mortali dei congiunti e  un luogo riservato dove appartarsi per ricordare i defunti, pregando per loro».

«Naturalmente», ha concluso l’assessore Cirillo, «non possiamo sottacere il fatto che questa operazione consentirà da una parte di rimettere in movimento il settore della piccola edilizia, nel momento in cui si dovranno edificare le 22 cappelle e dall’altra permetterà al Comune di incassare somme importanti da investire poi in manutenzioni e opere di pubblico interesse».

22/06/2011 8.48