Stabilizzazione precari Asl aquilana, Lolli(Pd): «emendamenti bocciati»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3418

ROMA. Bocciati ieri in Commissione gli emendamenti presentati dal deputato del Pd, Giovanni Lolli, sulla stabilizzazione dei lavoratori della sanità dell'Aquila.

Non ce l'hanno fatta a passare nemmeno gli emendamenti sul finanziamento delle Istituzioni culturali.

I quattro sono stati presentati dall'esponente di minoranza nel corso del dibattito sulla conversione in legge del decreto comunemente chiamato Omnibus.

«I primi due», spiega proprio Lolli, «avevano l'obiettivo di stabilizzare i lavoratori precari della Asl Aquilana e, comunque erano stati proposti per correggere lo scempio dell'utilizzo dei soldi del terremoto per risolvere problemi dell'intera Regione Abruzzo. Gli altri per finanziare attraverso l'Arcus o attraverso un finanziamento diretto le istituzioni culturali delle zone colpite dal terremoto».

Ma i provvedimenti non sono passati. «E' la dimostrazione», contesta il deputato del Partito Democratico, «di quanto disinteresse ci sia per la difficilissima situazione dei territori colpiti dal sisma del 2009. ipresenterò per la discussione in aula gli stessi emendamenti e cercherò di spiegare ancora una volta ai parlamentari quanto sia reale la necessità di non abbandonare i nostri territori».

Già nelle scorse settimane la bocciatura del provvedimento sui precari era arrivata dalla commissione senato. In quel caso i senatori Lusi e Legnini avevano annunciato che nessuna stabilizzazione era in vista. «In centinaia», profetizzarono i due, «nel 2011 resteranno senza lavoro. Il decreto in discussione in Senato nasconde l’ennesimo inganno per i lavoratori abruzzesi».

L’unica disposizione era inerente la base di calcolo per la riduzione del 50 per cento del lavoro precario, prevista nella manovra di Tremonti, che non è più il 2009 ma il 2010.

«Tradotto, nel 2011 ci sarà solo un minor taglio, ma diverse centinaia di precari rimarranno senza lavoro già nel 2011 e di stabilizzazione non si discute neppure».

06/05/2011 8.37