POLITICA

Montesilvano, intesa Maragno e 5 Stelle, seppellita l’ascia di guerra

Incontro ieri a Palazzo di città. Nuova riunione la prossima settimana

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2751

Montesilvano, intesa Maragno e 5 Stelle, seppellita l’ascia di guerra





MONTESILVANO. Condivisione degli obiettivi, prove di dialogo sui programmi.
Tra il centrodestra e il Movimento 5 Stelle è scoppiata la pace. Lontani i tempi delle proteste o delle urla via social network, ora i grillini sono passati agli incontri formali con il sindaco, alla mediazione e al confronto nelle sedi istituzionali.
Un cambio di strategia che riproduce quello che sta accadendo anche a Roma, con Luigi Di Maio che dialoga con il premier Matteo Renzi, che apre alla discussione e chiede insistentemente incontri.
Fino a due mesi fa la situazione era totalmente diversa. Anelli diceva di Maragno «avere lui come candidato sindaco di Forza Italia è come vedere Razzi ministro della cultura», oppure «non è stato mai portavoce della sua comunità a Montesilvano colle», «in 7 anni consecutivi da consigliere comunale cosa ha prodotto?»
Poi in città è arrivata la sconfitta bruciante, il Movimento pur ottenendo un risultato incredibile (in due anni ha guadagnato quasi 4 mila preferenze), non ha guadagnato la poltrona da sindaco. Anelli dopo la sconfitta si sfogò nuovamente su Facebook con toni decisamente accesi promettendo sputi negli occhi a chi avrà ancora il coraggio di lamentarsi, riferendosi ovviamente ai cittadini che hanno votato per gli avversari. Da qualche settimana il cambio di strategia ma i grillini sono pronti a giurare che la differenza con il passato è solo nella forma perché nella sostanza le proposte per la città (o per la Regione o per la nazione intera) non sarebbero mai mancate.
Così ieri intorno allo stesso tavolo si sono seduti i consigliere comunali del Movimento 5 Stelle, Manuel Anelli, Paola Ballarini e Gabriele Straccini, e il sindaco Francesco Maragno, il vice sindaco, Ottavio de Martinis, e l’assessore al Turismo, Paolo Cilli.

«L’incontro è risultato essere proficuo per entrambe le parti e le prove di dialogo sono riuscite perfettamente», ha commentato Anelli alla fine della riunione.
Nel corso del confronto i pentastellati hanno sottoposto le loro priorità per la città nell’immediato della stagione estiva. La settimana prossima ci sarà una nuova riunione con la maggioranza: «avremo modo di sentire le loro istanze alle nostre richieste, ritenute comunque “attuabili e condivisibili” dalla stessa amministrazione».
I consiglieri di opposizione confermano comunque che ci saranno altri incontri «in cui proporremo le nostre idee, da portare insieme avanti, alla maggioranza».
Due gli argomenti affrontati: rifiuti e turismo. Per quanto riguarda il primo aspetto i grillini hanno proposto il compostaggio domestico, la rinegoziazione dei contratti di forniture e servizi con riduzione del 5 per cento, risolvere il problema dei pochi cassonetti in città, un progetto pilota di raccolta differenziata nelle scuole, il rifiuto formale dell’impiantistica Arrow Bio tanto caro all’ex sindaco Attilio Di Mattia, raccolta dei rifiuti notturna. Per quanto riguarda il turismo è stata chiesta maggiore attenzione alla cura del verde sul lungomare e delle maggiori rotatorie in città il rilancio della Pineta, un tavolo di concertazione tra categorie turistiche ed amministrazione e un cartellone degli eventi che punti a delocalizzare alcune manifestazioni nei parchi e nelle piazze di maggior capienza in città, non dimenticando Montesilvano Colle, «gioiello cittadino».