Incassa due volte i contributi del sisma, aquilano denunciato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1364

L'AQUILA. Un espediente che gli ha fatto incassare per molti mesi doppia ''razione'' di contributo. Fino a quando la Guardia di Finanza non lo ha scoperto.

Un uomo dell'Aquila con il doppio nome, (gli inquirenti forniscono solo le iniziali che sono D.G.G.G.) si è presentato prima con uno, poi con l'altro e ha usufruito contemporaneamente del contributo di autonoma sistemazione (Cas) e dell'assistenza alberghiera, riservati a quanti sono rimasti senza abitazione agibile dopo il terremoto del 2009.

L'uomo, 51 anni, residente nel capoluogo abruzzese, ha aguzzato l'ingegno con un'iniziativa non lecita, utilizzando il doppio nome per avere doppi benefici, ma è stato scoperto e denunciato dalla Guardia di Finanza dell'Aquila.

Durante controlli approfonditi sulle misure previste nel post sisma per cittadini, imprese ed enti, i finanzieri hanno scoperto che il "furbetto" per 19 mesi ha incassato l'autonoma sistemazione mentre veniva ospitato in diverse strutture alberghiere prima a Rieti, poi ad Alba Adriatica, infine all'Aquila.

L'ammontare complessivo degli oneri a carico del Dipartimento di Protezione Civile, per la sola ospitalità gratuita presso gli alberghi, ammonta a oltre 35 mila euro, somma che l'uomo dovrà rimborsare.

Saranno la magistratura e la Struttura Gestione per l'Emergenza (Sge) a procedere al recupero di quanto indebitamente percepito dal cinquantunenne.

L'attenzione degli inquirenti è ai massimi livelli da 24 mesi per tentare di stanare quanti cercano di approfittare dei fondi pubblici.

08/04/11 16.18