DOC E MODULI

Zona franca urbana L’Aquila, ecco come chiedere le agevolazioni

Sul sito internet comune documenti e piantina del centro storico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5880

Zona franca urbana L’Aquila, ecco come chiedere le agevolazioni

Area della Zfu

L’AQUILA. Sul sito internet del Comune dell'Aquila è stata attivata una sezione riguardante la Zona Franca Urbana.



Nella pagina web è riportato un link alla sezione del portale del Ministero per lo Sviluppo Economico, in cui sono contenuti il Decreto del Ministro dello scorso giugno sulla Zfu dell'Aquila, il modello per la presentazione della domanda per accedere alle agevolazioni della Zona Franca e la circolare esplicativa. Nella medesima sezione del sito del Comune è inoltre pubblicata la piantina del centro storico dell'Aquila, in cui è evidenziata una perimetrazione.
All'interno di tale perimetrazione è prevista una riserva delle risorse della stessa Zfu a beneficio delle attività produttive interessate.
Le istanze per l’accesso alle agevolazioni possono essere presentate dalle ore 12:00 del 10 gennaio 2013 e sino alle ore 12:00 del 10 aprile 2013.

Per predisporre il modulo, l’impresa deve effettuare la registrazione e seguire la procedura guidata di compilazione dell’istanza accedendo all’area dedicata che sarà accessibile dal sito del Ministero per tutto il periodo di presentazione delle istanze. Il modulo di istanza, così come generato dal sito, deve essere presentato in modalità telematica o, in alternativa via raccomandata A/R
Per quanto attiene la modalità telematica, il modulo deve essere firmato digitalmente e inoltrato utilizzando la funzionalità di upload.
Nel caso di trasmissione tramite posta, il modulo di istanza, così come generato dal sito, deve essere stampato, firmato e spedito in busta chiusa a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: Ministero Sviluppo Economico, Agevolazioni ZFU L’Aquila, c/o Invitalia Spa, Via Boccanelli 30, 00138 Roma. Le istanze pervenute fuori dai termini, così come le istanze redatte o inviate con modalità difformi da quelle sopra indicate, non saranno prese in considerazione.
«L’ordine temporale di presentazione delle istanze», spiegano dal ministero, «non determina alcun vantaggio né penalizzazione nell’iter di trattamento delle stesse. Ai fini dell’attribuzione delle agevolazioni, le istanze presentate nel primo giorno utile saranno trattate alla stessa stregua di quelle presentate fino all’ultimo giorno. Si invitano, pertanto, le imprese interessate a non affrettare i tempi per l’invio dell’istanza, anche al fine di evitare errori nella compilazione della stessa».