Discarica di Valle dei Fiori: consiglio comunale apre all’Aciam

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1837

GIOIA DE’ MARSI. Ieri, 31 marzo 2011, il Consiglio Comunale di Gioia dei Marsi ha dato il via libera al progetto dell’Aciam della discarica.

I consiglieri tutti d’accordo hanno votato all’unanimità l’approvazione del contratto di concessione del diritto di superficie sull’area di realizzazione della discarica consortile in località Valle dei Fiori.

Nel corso della stessa assise è stata approvata altresì la convenzione tra Aciam e Comune per la realizzazione e gestione del medesimo impianto di smaltimento.

Il presidente di Aciam Spa, Luigi Ciaccia, presente in aula insieme all’amministratore delegato Alberto Torelli, ha rilevato «la maturità, la lungimiranza e il senso di responsabilità dimostrate dal sindaco, dall’amministrazione comunale e da tutta l’opposizione, chiamati a compiere scelte fondamentali per l’intero comprensorio marsicano».

Alla presenza di molti cittadini intervenuti Ciccia ha ringraziato la comunità di Gioia dei Marsi «per l’interesse e la sensibilità mostrati rispetto ad un argomento così complesso e delicato». Infine ha annunciato che, «grazie al sottile lavoro di tecnici e dirigenti, il Consorzio marsicano è stato l’unico ad ottenere una proroga dei termini per il conferimento dei rifiuti urbani presso l’impianto di smaltimento di Lanciano».

 Questa circostanza, secondo l’Aciam scongiurerebbe di fatto il pericolo di una imminente emergenza rifiuti e concederebbe alle istituzioni il tempo e la possibilità di portare a compimento la Discarica di Valle dei Fiori, senza traumi per il territorio.

L’amministratore delegato di Aciam, Alberto Torelli, ha invece ribadito «l’importanza strategica di tale impianto per l’intera comunità marsicana» ed ha sottolineato «i benefici che esso apporterà ai cittadini di Gioia e dei Comuni limitrofi, sia in termini economici che in termini di servizi offerti».

 Ha infine stigmatizzato la necessità che «l’impegno per la realizzazione della discarica vada di pari passo con l’attivazione di raccolte porta a porta rifiuti, evidenziando la ferma convinzione di tutti i Comuni marsicani a organizzare, seppur in forme e modalità diverse, sistemi domiciliari di raccolta rifiuti».

01/04/2011 15.00