Bloccato il progetto per l’impianto eolico sul monte Genzana

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2309

INTRODACQUA. L’impianto eolico sul Monte Genzana non si farà.

Lo annuncia con soddisfazione il Wwf che esprime soddisfazione per la recente decisione del Consiglio comunale di Introdacqua di rescindere il contratto in essere con la società Nordest per l’installazione di impianti eolici industriali sul monte Genzana. 

«Dalla lettura della deliberazione consiliare – fa notare il Wwf - si nota come la decisione sia stata frutto di una attenta analisi sia di carattere amministrativo che di carattere ambientale, assunta a seguito di un comportamento a dir poco superficiale della ditta in questione, che pretendeva di cambiare il progetto originario con effetti ancora più devastanti sulla integrità ambientale e paesistica del Monte Genzana».

 Il progetto iniziale prevedeva una vera e propria centrale costituita da 28 torri, che avrebbe interessato un'area di enorme interesse naturalistico situata a cavallo tra due Riserve naturali e due Parchi nazionali.

 La stragrande maggioranza delle torri, tra l’altro, sarebbe stata istallata sul crinale tra la Valle di Sant’Antonio e la Serra Rufigno fino quasi alla cima del Monte Genzana a pochi metri in linea d’ aria dal confine del territorio comunale di Pettorano sul Gizio e della Riserva Naturale che ne tutela l’area. 

 Sul provvedimento che ha bloccato il progetto è intervenuta Camilla Crisante, presidente del Wwf Abruzzo: «Siamo assolutamente favorevoli allo sviluppo delle fonti rinnovabili che, insieme al risparmio energetico, devono consentirci di uscire al più presto dalla dipendenza dalle fonti fossili; allo stesso tempo però riteniamo che gli impianti di produzione da fonti rinnovabili debbano essere correttamente localizzate al fine di facilitarne anche la diffusione. Auspichiamo che la vocazione di Introdacqua, censito come uno Borghi più Belli d' Italia – conclude Crisante - sia rispettata attraverso scelte indirizzate sempre più verso l'ecocompatibilità e la valorizzazione  di altre risorse». 

 30/03/2011 12.53