Piazza d'Armi, c'è il progetto definitivo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1856

L'AQUILA. È stato presentato stamani, nel corso di una conferenza stampa, il master plan elaborato dall’amministrazione comunale dell’Aquila per l’area di piazza d’Armi.

Il piano è stato illustrato dall’assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano e dal vice sindaco e assessore allo Sport Giampaolo Arduini. L’assessore Di Stefano ha ricordato che l’area di piazza d’Armi è stata acquisita al patrimonio dell’ente comunale nel 2008, a seguito di un procedimento di alienazione dal Demanio Militare.

«Il Master Plan – ha spiegato l’assessore Pietro Di Stefano – riguarda una superficie di 18 ettari di terreno. Si tratta pertanto di uno sforzo progettuale notevole, tanto più in relazione al fatto che quest’area ha un ruolo strategico nel nuovo assetto urbanistico della città a seguito del sisma del 6 aprile. Per questa ragione la nostra struttura ha lavorato a pieno ritmo per poter arrivare all’elaborazione di un piano integrato di interventi da sottoporre all’attenzione della giunta, che l’ha già approvato, e del Consiglio Comunale, che ne ha iniziato la disamina in sede di commissione Territorio».

In ragione dell’estensione dell’area e della complessità del progetto,sono stati individuati tre comparti di intervento. Il primo, per fondi complessivi di 1 milione e 500mila euro, verrà occupato da un parcheggio a raso, per cui si prevedono circa 300 posti, e dalla piazza che ospiterà gli stalli, circa 100, per gli ambulanti che si trovavano in piazza Duomo.

«Voglio precisare però - ha specificato Di Stefano – che si tratta di una destinazione provvisoria, in attesa di riportare il tradizionale mercato in centro. Questa è perciò una piazza pensata come luogo di incontro, di svago e di ritrovo per i cittadini. Il secondo comparto – ha proseguito l’assessore –comprenderà invece un parco urbano con annessa rea ludica per bambini, e il teatro, per complessivi 500 posti, il cui progetto è stato donato al Teatro stabile d’Abruzzo dall’architetto Cucinella».

Per la realizzazione dell’area verde verranno utilizzati i 2 milioni di euro relativi alla quota parte della Legge Mancia, in base alla quale la direzione nazionale del Partito Democratico ha destinato 9 milioni di euro al Comune dell’Aquila, che verranno utilizzati in gran parte proprio per la creazione e la riqualificazione di parchi urbani. In questo caso l’area verde verrà inserita all’interno di un progetto complessivo che comprende il Parco del Sole e il parco che verrà realizzato a Murata Gigotti, nella zona di Coppito, lungo un asse urbano est – ovest, che avrà al centro proprio piazza d’Armi. Per il teatro, che verrà realizzato con criteri antisismici ed ecocompatibili, vi è invece una donazione di 2 milioni e 600mila euro da parte del Governo australiano, per la quale vi è un impegno formale, nero su bianco, in virtù del fatto che ho personalmente ripreso i contatti e le procedure.

«Il terzo comparto – ha concluso Di Stefano – riguarda invece gli impianti sportivi, danneggiati dalla presenzadella tendopoli, che verranno ripristinati grazie agli indennizzi per complessivi 1 milione 320mila euro». In una seconda fase verranno invece realizzati nuovi impianti: oltre alla pista di atletica e a una palestra vi sarà un campo di calcio. Il complesso è stato pensato anche in previsione e in funzione delle Universiadi del 2017, che si terranno all’Aquila, e prevede anche un parcheggio interrato per 400 posti auto e strutture ricettive per l’spitalità alla delegazioni straniere, utilizzabili anche come area convegni. Il metodo di finanziamento sarà quello del project financing.

10/09/2010 16.14