L’Aquila città digitale, firmato accordo tra Comune ed Ibm per facilitare accesso alla Pa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1010

L’AQUILA. Con la firma dell'accordo strategico, "Smarter Planet" siglato ieri tra il Comune dell'Aquila e Ibm Italia, prende ufficialmente il via la partnership tecnologica.

Attraverso il lavoro di un comitato congiunto per l'Innovazione si dovrebbe aiutare la citta' a definire lo sviluppo di un nuovo modello di citta' "intelligente" in cui ogni cittadino dovrebbe essere in grado di accedere ai servizi pubblici (sociale, turismo e trasparenza) da casa.

L'accordo e' stato firmato nel corso di una conferenza stampa tra il sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, (era presente anche l'assessore comunale ai servizi sociali, Stefania Pezzopane) ed Isabella Chiodi, Vice president (Ibm) European Union and Public Sector.
 «L'iniziativa», ha detto Isabella Chiodi, «ci offre la possibilita' di mettere al servizio del territorio e della sua rinascita l'insieme delle nostre competenze, tecnologiche e di consulenza. Ci sentiamo coinvolti in modo particolare, in primis come cittadini di questo Paese, consapevoli che il bisogno degli aquilani e' di tornare a vivere la propria citta', intesa come luogo in cui il rispetto della tradizione e della storia si coniuga con una nuova qualita' della vita».

«La gestione per via telematica dei rapporti con la pubblica amministrazione - ha detto ancora la Chiodi - avra' effetti positivi anche in termini di riduzione del traffico e, dunque, di inquinamento atmosferico, con grandi benefici anche per l'ambiente».

 Per il sindaco Massimo Cialente «si tratta di un progetto importante per L'Aquila che deve essere ricostruita in maniera moderna, utilizzando quello che scienza e tecnologia ci offrono».

«Ricostruzione - ha proseguito il sindaco dell'Aquila - non vuol dire soltanto rimettere in piedi l'edilizia, la storia e la societa' aquilana ma anche creare subito le condizioni per uno sviluppo immediato. E la tecnologia e l'innovazione sono componenti essenziali per acquisire le dimensioni di una citta' europea. In questo senso, l'apporto di Ibm, unitamente agli altri progetti nei quali il comune e' parte attiva, sara' determinante per il rilancio dell'Aquila. Per questo, la municipalita' rivolge un sentito ringraziamento ad Ibm per la disponibilita' prestata».

 Per l'assessore Pezzopane:«la grave emergenza sociale che sta vivendo L'Aquila dopo il terremoto ha bisogno di risposte innovative. L'uso delle moderne tecnologie ha come obiettivo quello di soddisfare concretamente bisogni sociali attualmente parcellizzati, smembrati. Ci proponiamo, oltretutto attraverso le potenzialita' di Ibm, di coniugare la tecnologia informatica alla vocazione turistica dell'Aquila».

 07/12/2010 11.52