Coisp:«ripristinare il posto fisso di polizia all’Ospedale San Salvatore»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2108

Coisp:«ripristinare il posto fisso di polizia all’Ospedale San Salvatore»
L’AQUILA. Appena qualche giorno fa un uomo ubriaco aveva dato in escandescenza al pronto soccorso dell’ospedale San Salvatore.

Apparecchiature distrutte e medici feriti. Il Coisp, il sindacato di polizia, denuncia la mancanza di controlli e di sicurezza per i cittadini da quando è stato chiuso il posto di polizia del nosocomio.  

«Il Coisp», spiega il segretario provinciale, Santo Li Calzi, «è stato da sempre contrario alla chiusura di uffici di Polizia, in quanto la sicurezza dei cittadini è prioritaria su tutto. Già nel febbraio dello scorso anno abbiamo duramente contestato la chiusura, nei turni serali e notturni, del Posto di Polizia dell’Ospedale voluta dall’allora Questore Piritore, per mancanza di personale».

Nei mesi scorsi ci furono molte proteste sull’argomento: quelle del Coisp ma anche la presa di posizione della Preside della Facoltà di Medicina, Cifone che in una conferenza stampa segnalò l’importanza del presidio di Polizia anche per la sicurezza delle migliaia di studenti universitari del polo di medicina. A queste si aggiunse l’iniziativa di un comitato di cittadini che propose una raccolta di firme con la quale  chiedevano la continuità dell’operatività nelle 24 ore dell’ufficio di Polizia.

Infine arrivò anche un’interrogazione parlamentare da parte dell’On. Paola Pelino.

Tutto si è fermato però al 6 aprile 2009.

Il Coisp oggi ritiene che le iniziative  a sostegno del presidio di Polizia dell’Ospedale non siano ulteriormente procrastinabili, invita pertanto le Istituzioni locali «ad attivarsi affinché la città dell’Aquila ritorni ad avere la piena funzionalità  dell’Ufficio di Polizia e consentire pertanto ai cittadini di usufruire  di tale servizio».

«Oggi con la Questura inagibile e gli uffici precari (container e seminterrati)», conclude Li Calzi, «gli uomini e le donne della Polizia operano in condizioni disagiate (anche in 8 in un container) e pertanto il COISP ritiene che vi sia la possibilità di destinare del personale al Posto Fisso di Polizia ottenendo il duplice obbiettivo di dare un servizio migliore alla collettività oltre che migliorare le condizioni lavorative di un’aliquota di personale».

 06/12/2010 8.22