Corfinio, Coca Cola Chiude, «garantiremo riconversione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3843

L'AQUILA. La Provincia de L'Aaquila incontra vertici dell'azienda dopo l'annuncio della chiusura dello stabilimento di Corfinio.

Nei giorni scorsi la multinazionale ha confermato la notizia spiegando però di aver intenzione di consolidare «il polo nell’Italia centrale, con un progetto di riqualificazione delle attività industriali» e ha assicurato la ricollocazione, la riqualificazione e l’utilizzo degli strumenti legislativi.

Oggi il presidente della Provincia dell’Aquila, Antonio Del Corvo e l’assessore alle attività produttive, Antonella Di Nino hanno incontrato presso la sede di Confindustria Tiziano Neri e Gianfranco Poledda, rispettivamente direttore e manager delle relazioni industriali, per affrontare la questione.

La riunione è stata voluta fortemente dalla stessa Provincia, tant’è che, durante l’incontro, il presidente Del Corvo e la sua vice Di Nino, hanno chiesto ai rappresentanti dell’azienda Coca-Cola HBC Italia di illustrare l’attuale situazione occupazionale dello stabilimento di Corfinio e le intenzioni, nonché, le strategie future della stessa azienda.

L'azienda ha espresso, comunque, l’intenzione di garantire la massima attenzione per i livelli occupazionali; mentre, per il sito produttivo, non sono state escluse, a priori, le ipotesi di riconversioni dello stesso, come auspicato dalla Provincia.

«I delegati della Coca Cola HBC – affermano il presidente Del Corvo e l’assessore Di Nino – si sono impegnati a riferire alla Direzione Centrale, la disponibilità della Provincia ad accompagnare un percorso utile, sia per l’azienda che per le risorse al loro interno, auspicando che in un successivo incontro, si possa parlare di un concreto piano industriale, che possa salvaguardare anche lo stabilimento di Corfinio».

Lo stabilimento è stato inaugurato nel 1988 e Coca-Cola HBC Italia vi opera dal 1989. Atualmente occupa un’area di 80.640 mq e produce bevande nei formati lattine e fustini.

In Abruzzo c'è anche lo stabilimento di Oricola, inaugurato nel 1989 e operativo dal 1995. Occupa un’area di 49.000 mq e produce bibite nei formati plastica e Bag in Box.

15/11/2010 17.49