Operaio morto a Sulmona per legionellosi, Procura apre inchiesta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2651

SULMONA. La Procura di Sulmona ha aperto un fascicolo sul caso di un operaio - R.Z. 50 anni di Buccino (Caserta) - morto domenica scorsa a causa di contaminazione da legionellosi.

L'uomo stava installando in un cantiere di Cansano dei pannelli fotovoltaici. Giovedì scorso era stato accompagnato all'ospedale di Sulmona, con la febbre alta e in preda a una crisi respiratoria.

Sintomi che lo avevano portato a pensare, inizialmente, ad una normale influenza. Ma dagli accertamenti dei medici del reparto di rianimazione è emerso che si trattava di legionella.

Dopo un repentino peggioramento delle condizioni sono stati inutili i tentativi dei medici di salvargli la vita. L'uomo «era già in un fase acuta della contaminazione che aveva toccato reni, fegato e muscoli» ha affermato Gianvincenzo D'Andrea, primario e componente, per la legionellosi, dell'istituto nazionale della Sanità, spiegando di aver eseguito sul paziente una terapia aggressiva con respirazione meccanica, sostegno cardiocircolatorio e terapia antibiotica.

Sul caso sta ora indagando la Asl che ha dato mandato all'Arta di effettuare prelievi nei luoghi frequentati dall'uomo, nell'albergo sulmonese in cui alloggiava e il posto in cui lavorava, al fine di capire come possa essere avvenuto il contatto con il batterio killer, che solitamente si annida in luoghi umidi e dove c'é ristagno di acqua.

E' il secondo caso di legionella a Sulmona, l'ultimo risale a due anni fa quando morì un'operaio della Pantex. In quella circostanza l'agente della malattia fu trovato nel sistema di condizionamento d'aria.

La malattia del legionario, più comunemente definita legionellosi, è un’infezione polmonare causata dal batterioLegionella pneumophila

Normalmente si manifesta con febbre, brividi, tosse secca o grassa. In qualche caso può dare anche dolori muscolari, mal di testa, stanchezza, perdita di appetito e, occasionalmente, diarrea. Un’analisi diagnostica più accurata in laboratorio evidenzia un malfunzionamento renale nelle persone malate e le radiografie polmonari frequentemente mostrano segni di polmonite. In questa forma, il periodo di incubazione della malattia varia tra i 2 e i 10 giorni. 05/11/10 10.04