SALUTE

Il Governo ha deciso: vaccini obbligatori. Sono 12, ecco quali

Nuovo Piano vaccini stanzia 413 milioni per il triennio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1075

Il Governo ha deciso: vaccini obbligatori. Sono 12, ecco quali

ROMA. Disco verde del Consiglio dei ministri al decreto legge che reintroduce l'obbligatorietà delle vaccinazioni per l'iscrizione ad asili nido e scuole materne, ovvero nella fascia d'età 0-6 anni. Ma l'obbligo riguarderà, con modalità diverse, anche elementari, scuole medie e primi due anni delle superiori, fino cioè ai 16 anni dei ragazzi. In questo caso non si prevede il divieto di iscrizione a scuola, bensì sanzioni salate per i genitori, che andranno da 500 a 7.500 euro. Inoltre, il genitore che violi l'obbligo di vaccinazione è segnalato dalla ASL al Tribunale dei Minorenni per la sospensione della potestà genitoriale.

A spiegare la ratio del provvedimento, in conferenza stampa dopo il Cdm, è il premier Paolo Gentiloni: "Il decreto rende obbligatori una serie di vaccini che finora erano semplicemente raccomandati" ma "con modalità transitorie per consentire a famiglie e sistema di adeguarsi alla decisione senza traumi". Si è scelto di adottare un decreto sui vaccini, aggiunge, "perché nel corso degli anni la mancanza di misure appropriate e il diffondersi soprattutto negli ultimi mesi di comportamenti e teorie antiscientifiche ha provocato un abbassamento dei livelli di protezione vaccinale. E operiamo con un decreto anche perché negli ultimi mesi ci sono state diverse decisioni di Regioni su questo punto e il governo intende dare un indirizzo generale". Insomma, ha avvertito, "l'obiettivo è quello di evitare che le difficoltà che oggi ci sono si trasformino in vere emergenze".



QUALI SONO


Sono 12 le vaccinazioni che da settembre saranno obbligatorie per l'iscrizione a scuola nella fascia 0-6 anni, ovvero per gli asili nido e le scuole materne.


Si tratta delle 4 vaccinazioni ritenute fino ad oggi obbligatorie, alle quali se ne aggiungono altre già previste nel nuovo Piano nazionale vaccini 2017-19, che ne contempla la gratuità.


Le 4 vaccinazioni già oggi obbligatorie sono:

antidifterica,

antitetanica,

antipoliomelitica

antiepatite virale B.


A queste vaccinazioni si aggiungono:

l'anti-pertosse,

l'anti- meningococco B e C,

l'anti-morbillo,

l'anti-rosolia,

l'anti-parotite,

l'anti-varicella

il vaccino contro l'Aemophilus influenzae.


Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, al termine del Consiglio dei ministri che oggi ha approvato il decreto legge che reintroduce l'obbligatorietà delle vaccinazioni, ha comunque precisato che non si tratta di 12 vaccinazioni da fare singolarmente, poichè alcune vengono effettuate in gruppo.

Quanto alla copertura economica per l'estensione dell'obbligo vaccinale fino a raggiungere la copertura ottimale del 95%, gli stanziamenti sono già previsti dal nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-19.

Sono stanziati 413 milioni di euro per il triennio 2017-19.

E' infatti questa la stima dei maggiori oneri derivanti dall'inserimento nel Piano delle nuove vaccinazioni previste per le varie fasce di eta'. Lo stanziamento di tali fondi e' previsto nella Legge di bilancio 2017.

Il finanziamento, si legge nel Piano, e' pari a "100 milioni di euro nel 2017, a 127 milioni di euro nel 2018 e a 186 milioni di euro a decorrere dal 2019, stanziati dalla legge 11 dicembre 2016, n. 232, nell'ambito del finanziamento del Servizio sanitario nazionale, ove e' prevista una specifica finalizzazione, a titolo di concorso al rimborso alle regioni per l'acquisto dei suddetti vaccini". D'accordo con i produttori, si sottolinea pero' nel Piano, "potrebbero essere individuati meccanismi negoziali che permettano, ad esempio, di diminuire il costo unitario del vaccino in proporzione al raggiungimento di tassi di copertura progressivamente piu' elevati. In tal modo, si raggiungerebbe il risultato di incentivare l'obiettivo di copertura anche con una diminuzione del costo di approvvigionamento del vaccino".