PETROLIO NERO

M5S insiste, «sul petrolio lucano Pd colluso e complice»

«Le trivelle non portano sviluppo ma devastano la Basilicata»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

135

M5S insiste, «sul petrolio lucano Pd colluso e complice»

ROMA. «La verità è che lo sviluppo di cui parlano Renzi, la Boschi e la Guidi riguardano i loro affari, quelli dei loro amici e familiari, quelli delle lobby economiche e delle clientele elettorali e di potere locale costruite intorno a sindaci e ex sindaci, ai consiglieri regionali, ai De Filippo e ai Pittella (tutti del Pd)».

Ne è convinto Piernicola Pedicini, capo delegazione del M5s al Parlamento europeo e coordinatore della Commissione ambiente e sanità che sostiene che Renzi sia «allo sbando» e «non sa come difendersi e parla a ruota libera».

Il premier ha annunciato pure che querelerà Grillo perché ha detto che sulla vicenda dell'inchiesta sul petrolio in Basilicata il Pd «è colluso e complice ed ha le mani sporche di petrolio e di soldi».

«Ma Renzi», domanda Pittella, «ha capito che quello che ha detto Grillo non è una supposizione ma lo dice la Procura distrettuale antimafia di Potenza? Ha capito che per traffico di smaltimento illecito di rifiuti, ipotesi di disastro ambientale e reati di concussione e corruzione sono state arrestate sei persone e sono indagate altre 54 persone? Ha capito che nell'inchiesta c'è un ex sindaco del Pd agli arresti, un ex vice sindaco Pd con obbligo di dimora, un consigliere regionale del Pd in carica indagato? Ha capito che il convivente della ex ministro Guidi è indagato e che la sua ex ministra si è dimessa perché ha detto al suo compagno che mirava ai sub appalti, che un emendamento del governo, condiviso con la ministro Boschi del Pd, per il progetto Tempa Rossa della Total, sarebbe passato nella legge di Stabilità? Ha capito che la Guidi e anche la Boschi verranno interrogate dai magistrati dell'Antimafia di Potenza? Ha capito che l'ex sindaco agli arresti (Rosaria Vicino), secondo la Procura Antimafia, "adottava un protocollo operativo di assoluta prevaricazione nei confronti delle imprese interessate ad ottenere l'aggiudicazione dei lavori per la realizzazione del Centro Oli di Tempa rossa" e che, questo ex sindaco, è legato, da anni, a Vito De Filippo che è un sottosegretario lucano del Pd e che il consigliere regionale indagato Vincenzo Robortella è un membro del Pd eletto nella lista 'Pittella presidente' (Marcello Pittella, attuale governatore lucano, fratello di Gianni, l'europarlamentare Pd)? Ha capito che molti imprenditori e dirigenti pubblici coinvolti nell'inchiesta sono vicini, molto vicini, al Pd della Basilicata?»

Per Pittella Renzi dovrebbe sapere che Grillo e il M5s «hanno ragione da vendere e la querela annunciata è solo un goffo tentativo di confondere l'opinione pubblica».


IL PROGETTO TEMPA ROSSA.

Renzi, Boschi e Guidi sostengono che l'emendamento inserito nella legge di Stabilità era giusto e opportuno perché il progetto Tempa Rossa della Total avrebbe garantito sviluppo e posti di lavoro al Sud.

«Anche questa è solo propaganda gratuita», continua Pedicini, «che offende l'intelligenza dei cittadini. Il progetto Tempa rossa non solo non garantisce sviluppo e posti di lavoro, ma provoca ulteriore povertà e danni inestimabili all’ambiente e alla salute dei cittadini. La conferma arriva dall’impianto di estrazione Eni della Val d'Agri, che è molto più grande di Tempa rossa, dove si estrae il petrolio lucano da oltre venti anni. Lì, le attività petrolifere, non hanno portato alla Basilicata nessun beneficio in quanto era ed è la regione più povera d'Italia e in più negli ultimi dieci anni ha perso circa 50mila giovani e cittadini che sono emigrati come negli anni 60. Inoltre, la Val d'Agri è stata devastata dal petrolio perché sono state chiuse migliaia di piccole imprese agricole ed è stata bloccata qualsiasi possibilità di sviluppo turistico rurale. Ma non è finita: è stato distrutto l'ambiente; sono stati inquinati i bacini idrici (tra cui quello del Pertusillo che porta l'acqua nelle case di milioni di pugliesi e lucani); sono aumentati i problemi legati alla salute dei cittadini perché cresciute le patologie tumorali. Nella sola Val d'Agri (dove è più intensa l'attività dei petrolieri) ci sono circa diecimila persone tra disoccupati e inoccupati. La Basilicata ha oltre 400 siti contaminati dalle attività estrattive: dati della Commissione bicamerale sul Ciclo dei rifiuti. Quindi i posti di lavoro per il Sud di cui parla Renzi sono solo ipotesi e illusioni».