LA SENTENZA

Diffamazione via Facebook per la Cassazione aggravanti come per la stampa

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

146

Diffamazione via Facebook per la Cassazione aggravanti come per la stampa

ROMA. Rischia una condanna pesante chi diffama una persona su Facebook: l'aggravante prevista in questi casi, infatti, e' la stessa applicata per le diffamazioni a mezzo stampa.

Lo sottolinea la V sezione penale della Cassazione che ha rigettato il ricorso di un uomo, accusato di aver offeso la reputazione di Francesco Rocca, presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, all'epoca dei fatti commissario straordinario della Cri, contro la sentenza di condanna emessa nei suoi confronti dal gup di Palermo con rito abbreviato.

L'imputato, secondo l'accusa, aveva pubblicato sul suo profilo Facebook frasi ritenute diffamatorie nei confronti di Rocca. La Suprema Corte, con la sentenza depositata oggi, ha rilevato che «anche la diffusione di un messaggio diffamatorio attraverso l'uso di una bacheca Facebook integra un'ipotesi di diffamazione aggravata ai sensi dell'articolo 595 , comma terzo, del Codice penale, poiche' la diffusione di un messaggio con le modalita' consentite dall'utilizzo per questo di una bacheca Facebook ha potenzialmente la capacita' di raggiungere un numero indeterminato di persone, sia perche' - si legge nella sentenza - per comune esperienza, bacheche di tal natura racchiudono un numero apprezzabile di persone (senza le quali la bacheca Facebook non avrebbe senso) sia perche' l'utilizzo di Facebook integra una delle modalita' attraverso le quali gruppi di soggetti socializzano le rispettive esperienze di vita, valorizzando in primo luogo il rapporto interpersonale, che proprio per il mezzo utilizzato assume il profilo del rapporto interpersonale allargato ad un gruppo indeterminato di aderenti al fine di una costante socializzazione».

 Per questo, conclude la Cassazione, la condotta di postare un commento sulla bacheca Facebook realizza la pubblicizzazione e la diffusione di esso per l'idoneita' del mezzo utilizzato a determinare la circolazione del commento tra un gruppo di persone».