CORNUTI E MAZZIATI

Aumenta sempre più il costo della sanità in capo ai cittadini

Il rapporto dell’Agenas sull’aumento del ticket

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

144

Aumenta sempre più il costo della sanità in capo ai cittadini

ABRUZZO.  La sanita' e' sempre piu' a carico dei cittadini. Le spese per la compartecipazione, ossia il ticket, sono cresciute del 26% in 6 anni.

 E' quanto si legge nell'aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014 dell'Agenas. In particolare, una prima analisi dei fenomeni piu' significativi evidenzia una crescita nel 2014 della spesa sanitaria dello 0,89% rispetto al 2013, segnando un'inversione di tendenza rispetto agli anni 2008-2013, che registravano un trend in diminuzione.

 I costi che hanno inciso maggiormente sono stati: prodotti farmaceutici ed emoderivati (+7,09%), dispositivi medici (3,41%), manutenzioni e riparazioni (+5,62%). Per quel che riguarda la mobilita' passiva, si conferma il trend in crescita con un costo pari a circa 3,8 miliardi di euro l'anno. Mentre l'analisi del finanziamento della spesa sanitaria rileva un aumento del Fondo sanitario nazionale che dal 2008 al 2014 cresce del 9%. Inoltre, la spesa per Livelli Essenziali di Assistenza indica che l'assistenza ospedaliera passa dal 48,16% del 2008 al 44,72% del 2013; quella per l'assistenza distrettuale passa dal 47,51% del 2008 al 51,09% del 2013; mentre la prevenzione rimane stabile intorno al 4%.

Va specificato, sottolinea l'Agenas, che pur in presenza di una crescita della spesa sanitaria, non si arresta il trend in diminuzione dei disavanzi regionali. Il sistema sanitario nazionale, dopo le coperture registra un avanzo di circa 600 milioni di euro.

A tutto questo però si deve aggiungere anche l’ulteriore aggravio di prezzo che i cittadini pagano per potersi curare in mancanza di strutture sanitarie ridimensionate o tagliate, come reparti, ospedali o distretti sanitari. Inoltre ulteriori spese andranno ad incidere anche su quegli esami che saranno a breve ritenuti non “necessari” come anticipato da alcune notizie di stampa.