LUTTO

Muore improvvisamente il maresciallo di Montenero mentre era a casa ad Ortona

Pasquale Scarinci aveva 50 anni e da 30 anni era carabiniere

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3100

Muore improvvisamente il maresciallo di Montenero mentre era a casa ad Ortona

Pasquale Scarinci

ORTONA. Era in congedo a casa quando è stato colto da un malore, un infarto che se l’è portato via in pochi minuti. E’ morto ieri Pasquale Scarinci, maresciallo in servizio attualmente a Montenero di Bisaccia ma nato ad Ortona 50 anni fa. Ieri in mattinata aveva prestato servizio regolarmente poi si era ritirato nell’alloggio di servizio perché aveva detto di non sentirsi molto bene. Poi è arrivato ad Ortona dove ha accusato il malore.

Lascia la moglie e due figlie e la notizia ha destato sconcerto e tristezza tra quanti lo hanno conosciuto in giro per l’Italia dove ha prestato servizio per oltre 30 anni di servizio.

Il sindaco di Montenero di Bisaccia, Nicola Travaglini, in segno di rispetto e partecipazione al dolore della famiglia e dell'Arma, ha voluto proclamare il lutto della comunità locale e, per questo, domani mattina saranno sospese tutte le manifestazioni pubbliche previste tra le 8.30 e le 10.30.

Bandiere a mezz'asta inoltre nelle sedi comunali. I cittadini di Montenero, i titolari di attività commerciali, le organizzazioni politiche, sociali e produttive, le associazioni, sono state invitate ad esprimere la loro partecipazione mediante la sospensione delle attività in segno di raccoglimento.

Il sindaco, accompagnato da una delegazione comunale, sarà presente ai funerali che si terranno domani mattina ad Ortona.

Nell’estate 2013 aveva lasciato il Sannio  e la provincia di Benevento dopo 15 anni per essere trasferito in Molise.

Dopo dodici anni alla Compagnia di Casoria, Scarinci aveva trascorso due anni al Nucleo operativo della Compagnia di Benevento, sei alla guida della Stazione di Pontelandolfo, altri sette a Cerreto Sannita, dove era stato al vertice della Stazione dell’Arma. Poi il trasferimento a Montenero di Bisaccia, il paese natale di Antonio Di Pietro, dove da due anni era comandante della Stazione dei carabinieri.