SCANDALO INFINITO

Calcioscommesse. Palazzi: «nuovi processi entro l'estate»

Tavecchio 'difende' Figc: «basta critiche, pronti a vie legali»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

437

Calcioscommesse. Palazzi: «nuovi processi entro l'estate»

 

 

ROMA. "Basta la politica dell'incudine, cominciamo la politica del martello e passeremo alle vie giudiziarie se i nostri legali lo riterranno opportuno".

 Il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, prosegue nella linea tracciata negli ultimi giorni e continua a giocare all'attacco nei confronti di chi critica il suo mondo. Lo fa al termine del Consiglio federale, sottolineando quanto fatto di buono sotto la sua presidenza e annunciando, tra l'altro, che il limite per la riforma dei campionati, visti i casi delle Leghe Dilettanti e Pro, è stato prorogato al 14 agosto e che il blocco dei ripescaggi non sarà attuato nella prossima stagione. Lo fa in una conferenza con accanto il procuratore Figc, Stefano Palazzi, cui viene concesso di parlare con la stampa. Come mai prima. "Potrete fargli tutte le domande possibili - aggiunge il n.1 di via Allegri -. Cambiano l'atteggiamento circa la comunicazione, in futuro non ci sarà solo il procuratore ma anche altri soggetti a seconda degli argomenti". Il consiglio ha approvato all'unanimità la nascita di tre procure territoriali (Milano, Roma e Napoli) con la responsabilità dei procedimenti che riguardano il mondo dilettantistico. Con l'istituzione delle Procure territoriali, sarà affidata ad una Procura Federale centrale la responsabilità sulle indagini per il calcio professionistico e per i dirigenti federali. "E' una riforma giusta e intelligente che può contribuire a far funzionare meglio l'ufficio", spiega Palazzi comunicando inoltre che "domani un delegato della procura andrà a Catanzaro grazie alla disponibilità e alla fiducia della magistratura ordinaria per il ritiro degli atti di indagine penale".

 Lo stesso n.1 di via Campania "a breve" si recherà nella procura calabrese per un confronto con i magistrati. L'obiettivo è avviare i processi quanto prima: "Faremo tutti gli sforzi per completare entro l'inizio della prossima stagione, contiamo a far fronte ad una mole di lavoro enorme". Perché la giustizia sportiva non è "addormentata", a dispetto di quanto detto dal presidente dell'Anticorruzione Raffaele Cantone. "Abbiamo trattato tantissime posizioni e fatto richieste molto severe e i due gradi di giustizia endofederale hanno accolto queste nostre richieste - ricorda Palazzi -. Poi, ci sono state altre decisioni adottate che adesso il nuovo codice del Coni valuta in maniera diversa, ma allora si è arrivato ad una rivisitazione in sede arbitrale. Esprimo la mia grandissima stima e ammirazione, nonché affetto all'amico Raffaele Cantone. Lui ha parlato di sanzioni andate via via attenuandosi, è mio costume accettare sempre le sanzioni e posso rispondere solo dell'attività posta in essere dalla procura".

E gli uffici federali potrebbero avviare presto un altro procedimento sui nuovi atti di Cremona, rinvigoriti dalle dichiarazioni del capo degli zingari Hristiyan Ilievski: "Valuteremo se ci sono elementi nuovi e che non abbiamo già esaminato in tutti i procedimenti. Se ci saranno, l'azione disciplinare è doverosa".

Il consiglio odierno ha creato due nuovi commi da inserire nel codice di giustizia sportiva in merito al divieto di contatto giocatori-tifosi. A Tavecchio la delega per determinare la gradualità sanzionatoria.