POLITICA

Consiglio Ministri: norme più severe contro la corruzione e l’Imu agricola si paga a gennaio 2015

Dopo le polemiche il pagamento dell’imposta slitta di appena 40 giorni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1438

Consiglio Ministri: norme più severe contro la corruzione e l’Imu agricola si paga a gennaio 2015

ROMA. Si è tenuto ieri a Palazzo Chigi il Consiglio dei Ministri. Tra i provvedimenti adottati, delle norme che saranno inserite nel disegno di legge di riforma della normativa penale sostanziale e processuale, con le quali si mira a inasprire la normativa di repressione in materia di corruzione, per un più efficace contrasto giudiziario del grave fenomeno criminale.
Approvato, inoltre, un decreto legge in materia di proroga dei termini di pagamento Imu per i terreni agricoli montani.

STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA
In merito alla stato di attuazione del programma, rispetto al precedente Consiglio dei Ministri del 1° dicembre scorso, vi sono 21 provvedimenti in meno da adottare, di cui 8 relativi al Governo Renzi e 13 riferiti ai Governi Monti e Letta. Lo stock dei decreti riferiti ai precedenti Esecutivi è ora a 397.

LOTTA ALLA CORRUZIONE
Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha approvato delle norme che saranno inserite nel disegno di legge (dunque non si procederà con un decreto) di riforma della normativa penale sostanziale e processuale, con le quali si mira a inasprire la normativa di repressione in materia di corruzione, per un più efficace contrasto giudiziario del grave fenomeno criminale.
In particolare, si inaspriscono le pene del delitto di corruzione propria (pena minima 6 anni, pena massima 10 anni) anche al fine di aumentare i tempi di prescrizione del reato. Con l’aumento della pena minima, inoltre, si tende ad evitare che il processo possa concludersi, scegliendo il patteggiamento, con l’applicazione di pene talmente modeste da non apparire adeguate alla gravità del fatto.
La normativa, inoltre, migliora lo strumento della cosiddetta confisca allargata, prevedendo che il provvedimento conservi efficacia anche quando nei successivi gradi di impugnazione sia sopravvenuta una causa estintiva del reato oggetto di accertamento.
Stabilisce, poi, che l’imputato, per chiedere il patteggiamento o l’emissione di condanna a pena predeterminata, debba restituire l’integrale ammontare del prezzo o del profitto del reato contestatogli, venendo meno in caso contrario l’ammissibilità della richiesta di definizione anticipata del giudizio. Ciò al fine di assicurare che il profitto di questi gravi delitti sia sempre oggetto di recupero a fini di confisca.

PROROGA TERMINI IMU AGRICOLA MONTANA
Il Consiglio dei Ministri ha poi approvato un decreto legge in materia di proroga dei termini di pagamento Imu per i terreni agricoli montani e di rifinanziamento per spese urgenti.
Dopo le polemiche dei giorni scorsi è arrivato uno slittamento del pagamento: dal 16 dicembre 2014 al 26 gennaio 2015, data ultima per effettuare il versamento in un’unica soluzione
La norma proposta, spiega in una nota il Cdm, è diretta ad evitare che i contribuenti siano tenuti a versare l’imposta sulla base di aliquote troppo elevate. È comunque salvaguardata l’applicazione di aliquote deliberate con specifico riferimento ai terreni agricoli. Allo stesso tempo, con la norma proposta, i Comuni accertano convenzionalmente nel bilancio 2014 gli importi a titolo di maggior gettito IMU derivante dalla revisione dei terreni agricoli montani, a fronte della corrispondente riduzione del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2014.
Inoltre il decreto prevede il rifinanziamento per l’anno 2014 per un importo di 56 milioni di euro del Fondo per le emergenze nazionali. E poi ancora l’autorizzazione di una spesa di 64,1 milioni di euro per l'assegnazione al Ministro dell'Istruzione, dell’università e della ricerca dei fondi per il pagamento delle supplenze brevi per l'anno 2014 prevedendo al contempo un monitoraggio per questo tipo di supplenze.
Infine, viene disattivata la clausola di salvaguardia prevista nel d.l. 66 del 2014 che prevedeva l’aumento di accise nel caso il gettito IVA derivante dal pagamento dei debiti arretrati delle Pubbliche amministrazioni risultasse inferiore alle previsioni. Il minor gettito IVA viene compensato utilizzando accantonamenti che la legge di stabilità per il 2014 prevedeva a favore della Pubblica amministrazione.

MISSIONI INTERNAZIONALI
Il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha informato il Consiglio dei Ministri sulle possibili linee di partecipazione dell’Italia alla missione NATO Resolut Support Mission in Afganistan, che saranno comunicate alle Camere nei prossimi giorni, come previsto dal decreto-legge di proroga delle missioni internazionali per il secondo semestre 2014.

CAPITALI ITALIANE DELLA CULTURA 2015
Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, ha deliberato il titolo di “Capitale italiana della cultura” per l'anno 2015 alle cinque città partecipanti alla selezione della “Capitale europea della cultura 2019” selezionate come finaliste e non risultate vincitrici e cioè Cagliari, Lecce, Perugia, Ravenna, Siena.

NUOVI FRANCOBOLLI
E stata inoltre autorizzato un’emissione integrativa di carte valori postali celebrative per l’anno 2015. L’integrazione riguarda la celebrazione della Banca Popolare di Milano, nel 150° anniversario della sua fondazione e del Parco scientifico e tecnologico San Marino – Italia (emissione congiunta con la Repubblica di San Marino). Sull’integrazione è stato acquisito il parere favorevole della Consulta per le carte valori postali e la filatelia nella riunione del 20 novembre 2014.Adesione della Repubblica.