SOTTOFONDO

Italia paese del rumore, solo metà dei comuni in regola

Calano ancora rifiuti al Sud Campania seconda per differenziata

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1174

Italia paese del rumore, solo metà dei comuni in regola



ROMA. L'Italia è un paese rumoroso, dove l'inquinamento acustico rappresenta, ormai, uno dei maggiori problemi ambientali e che vede la metà dei comuni ancora indietro sul fronte dell'adeguamento delle norme.
Questo uno dei passaggi dell'Annuario Ispra, presentato oggi a Roma assieme al rapporto sui Rifiuti Urbani dal quale emerge un dato positivo: per effetto della crisi sono diminuiti. E al sud, un po' a sorpresa, la Campania si piazza al secondo posto tra le Regioni che fanno la differenza, differenziando quasi la metà dei rifiuti prodotti( 44%), il secondo posto dopo la Sardegna (51%). Sul fronte dell'inquinamento acustico «il 42,6% delle sorgenti di rumore controllate nel 2012 ha presentato almeno un superamento dei limiti normativi evidenziando un problema di inquinamento acustico».
 Una possibile risposta per arginare il problema dell'inquinamento - si legge sull'analisi Ispra - è la classificazione acustica, che però deve essere approvata dai comuni: «al 31 dicembre 2012 esisteva solo nel 51% dei centri abitati italiani. Le regioni con la percentuale di comuni a norma più elevata rimangono Marche e Toscana (97%), Valle d'Aosta (sale al 96%), Liguria (84%), Lombardia (sale all'83%), mentre quelle che registrano percentuali inferiori al 10% sono Abruzzo (7%), Sardegna (3%) e Sicilia (1%)».
 Dall'analisi presentata stamani si evince poi che la percentuale di popolazione residente in comuni che hanno approvato la classificazione acustica «è pari al 56,5%, con forte disomogeneità sul territorio nazionale».
 Sul versante dei rifiuti urbani è confermato, anche per il 2013, il trend in calo sulla produzione rifiuti degli ultimi anni «essenzialmente dovuto alla crisi economica».
 Secondo l'Ispra «nel 2013 l'Italia ha prodotto quasi 400 mila tonnellate in meno di rifiuti urbani rispetto al 2012 (-1,3%), 2,9 milioni di tonnellate rispetto al 2010 (-8,9%), un valore inferiore anche a quello del 2002».
 L'andamento della produzione dei rifiuti urbani appare, in generale, coerente con l'andamento dei consumi delle famiglie.
«Nell'ultimo anno il PIL e le spese delle famiglie fanno registrare contrazioni dell'1,9%, e del 2,5%, rispettivamente, a fronte di una riduzione più contenuta del dato di produzione dei rifiuti urbani (-1,3%). A livello nazionale - prosegue l'Annuario - tra il 2012 e il 2013, ogni abitante ha prodotto di 18 chilogrammi in meno all'anno di rifiuti, con un calo percentuale del 3,6%, che fa seguito al calo di 23 kg per abitante per anno rilevato tra il 2011 e il 2012».
 Sul fronte regionale è l'Emilia Romagna, con 625 kg di rifiuti prodotti pro capite, la Regione che produce più rifiuti, seguita da Toscana (con 596 kg per abitante), Valle d'Aosta (565 kg) e Liguria (559 kg), mentre quantità minori si producono in Basilicata (359 kg abitante per anno), in Molise (394 kg per abitante per anno), in Calabria (421 kg per abitante per anno) e in Campania (434 kg per abitante per anno). Bene la raccolta differenziata che cresce ancora nel 2013 raggiungendo il 42,3% della produzione nazionale, oltre 2 punti in più rispetto al 2012 (40%). E' sempre il nord, con 54,4%, la macroarea italiana che registra il tasso più alto di differenziazione, segue il Centro al 36,3% e dal Sud al 28,9%.