ECONOMIA E CRISI

Estate. Operatori turistici: «80 euro non hanno inciso su vacanze»

Margini di guadagno bassi, ripresa c'è ma non come si sperava

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1395

Estate. Operatori turistici: «80 euro non hanno inciso su vacanze»



ROMA.  Gli italiani andranno in vacanza questa estate? Sì, no, chissà.
Certo è che gli operatori turistici, che speravano in un 2014 di decisa ripresa sul fronte delle vacanze, sembrano, a questo punto dell'anno, piuttosto delusi. Gli 80 euro in busta paga, insomma, non hanno sortito, sul fronte dei viaggi, l'effetto auspicato. Una ripartenza delle vendite c'è stata, soprattutto per quanto riguarda i pacchetti organizzati, ma non forte come i tour operator speravano, e soprattutto, dopo i primi mesi del 2014 iniziati con il segno più, da maggio si segnala una stagnazione sul fronte della biglietteria.
«Avevamo segnali di ripresa interessanti su questo fronte fino ad aprile - spiega Andrea Giannetti, membro del comitato di Astoi-Confindustria, che rappresenta i maggiori tour operator - e maggio e giugno dovevano essere mesi di consolidamento ma vediamo invece un arretramento dei volumi. La visione non è rassicurante anche perchè luglio in genere si attesta sui mesi precedenti e non ci fa piacere constatare questa stagnazione; ci aspettavamo un 2014 di recupero, da consolidare in settembre e ottobre, quando dovrebbero iniziare anche i primi spostamenti in vista di Expo».
 Preoccupato è il presidente di Assoturismo-Confesercenti, Andrea Albonetti.
«La spesa media e i margini di guadagno scendono, e preoccupa il fatto che in 5 anni si siano persi 25 punti nella stagionalità: si passa dal 73% di italiani che nel 2008 sceglievano il mare del nostro Paese, al 48%. Crescono coloro che andranno al mare all'estero; i nostri operatori subiscono la concorrenza dei vicini Paesi europei, a causa delle troppe tasse, indegne di uno Stato fiscalmente civile. Penso che i turisti italiani stiano iniziando a scoprire il mare estero, più economico, non che disdegnino il mare italiano. Cresce infatti la propensione a viaggiare in Grecia, Spagna e Croazia e in quest'ultima in modo significativo».

«Facciamo di tutto affinchè il mercato riprenda il suo iter normale - lamenta il presidente di Fiavet, la Federazione delle agenzie di viaggio aderente a Confcommercio, Fortunato Giovannoni - abbiamo promosso iniziative per rilanciare l'Egitto, per esempio, ma la Farnesina mantiene lo 'sconsiglio' su alcune aree e così in quella meta, in passato molto ambita, non c'è la ripresa che si prevedeva. La situazione anche altrove è di stallo, i consumi diminuiscono a partire da quelli alimentari, e gli 80 euro in busta paga previsti dall'attuale Governo hanno prodotto qualche effetto, ma non sul turismo. La gente che si muove è ai livelli di quella dello scorso anno, con le stesse percentuali. Apparentemente - conclude Giovannoni - sembra che si sia fermato il trend negativo ma la ripresa non la notiamo ancora».
 Come ogni anno i numeri sul turismo estivo sono i più diversi. Secondo Confesercenti Swg, quest'anno il numero dei vacanzieri dovrebbe superare i 27,2 milioni, per una spesa complessiva di quasi 21,5 miliardi di euro, in calo di circa 3,2 miliardi (-13%).
Coldiretti calcola invece che la spesa complessiva degli italiani per le vacanze si è ridotta di circa 10 miliardi per effetto di un calo delle partenze e di un taglio del 25 per cento del budget, rispetto all'inizio della crisi nel 2008 quando era pari a 1056 euro per persona. Secondo l' Osservatorio Nazionale Federconsumatori, quest'anno, solo il 31% degli italiani partirà per le tradizionali vacanze estive, di almeno una settimana, pari a circa 18,6 milioni di cittadini, il 3% in meno rispetto allo scorso anno. Più ottimistiche, infine, le previsioni del Touring Club Italiano, secondo il quale il 46% degli italiani, quasi la metà dell'intera popolazione, riuscirà a concedersi una vacanza quest'estate.