SANITA' E POLITICA

Fibrosi cistica, Amato interroga il ministro: «Accelerare l'iter burocratico al Mario Negri».

«Ogni minuto perso è una speranza di cura svanita»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1563

Fibrosi cistica, Amato interroga il ministro: «Accelerare l'iter burocratico al Mario Negri».






ABRUZZO. La deputata del Pd Maria Amato ha presentato una interrogazione al ministro della Salute Beatrice Lorenzin sul Mario Negri Sud.
Nel testo si sottolinea la lentezza dell’iter burocratico che sta impedendo al noto Istituto di poter proseguire l’attività di ricerca data la delicatezza delle condizioni economiche in cui versa.
«Ricordiamo che la fibrosi cistica del pancreas è una malattia rara classificata come una delle malattie genetiche più frequenti in grado di accorciare la vita», dice Amato. «È più comune tra le nazioni del mondo occidentale: questo per dire che il progetto di ricerca del Mario Negri Sud ha un interesse sociale e non può essere lasciato come costi sull' Associazione dei malati di fibrosi cistica».
«L'interesse da poco riportato sulle malattie rare non si può fermare all’inclusione di malattie in tabelle - aggiunge la deputata- ma per questi pazienti deve succedere qualcosa: la facilitazione all'accesso e al successo delle cure. Questo è impegno già dichiarato dal governo, ma sappiamo che il tempo è soggettivo e per i malati corre. Il successo delle cure è strettamente legato alle risorse che le istituzioni impiegano sulla ricerca, è tempo di rafforzare le sinergie di studio tra Università e Sanità regionale anche e non solo per accedere ai fondi europei. E' vero, il Mario Negri Sud è un fiore all'occhiello della nostra regione. Quindi - conclude la Amato - ma va annaffiato prima che, definitivamente e nella indifferenza, appassisca».
Il Consorzio Mario Negri Sud di Santa Maria Imbaro in collaborazione con il Centro di riferimento regionale per la fibrosi cistica, Ospedale di Atri e l'Universtità "G.D'Annunzio" di Chieti-Pescara ha proposto alla Regione Abruzzo il progetto di ricerca sulla fibrosi cistica dal titolo "Identificazione di nuovi approcci terapeutici per ridurre il danno polmonare nella fibrosi cistica. Studi preclinici e sviluppo di biomarcatori di efficacia".
Dopo 15 mesi dalla presentazione del progetto non sono ancora stati formalizzati e comunicati gli esiti finali delle valutazioni dei progetti