SONDAGGI

Sindaci più amati, c’è solo Di Primio nella classifica Datamedia

Monitorati solo quelli che supera il 55% dei consensi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3008

Umberto Di Primio

La classifica




ABRUZZO. Tra i sindaci dei capoluoghi di provincia abruzzesi, c'e' solo Umberto Di Primio, primo cittadino di Chieti, nella classifica stilata da Datamedia Ricerche e denominata Monitorcittà.
L’analisi registra il gradimento dei cittadini nei confronti dei sindaci italiani. La classifica, alla ventesima edizione, e' relativa al secondo semestre 2013.
Ai primi posti ci sono Paolo Perrone, sindaco di Lecce, e Alessandro Andreatta, sindaco di Trento, seguiti da Alessandro Cattaneo, sindaco di Pavia. Di Primio si colloca alla postazione numero 25, subito dopo i sindaci di Asti, Fabrizio Brignolo, e Savona, Federico Berruti.
Il gradimento di Di Primio e' pari alla 56,1 per cento mentre nel primo semestre 2013 era pari al 55,8 per cento, per cui cresce dello 0,3 per cento. Nella graduatoria entrano solo i sindaci dei capoluoghi di provincia al di sopra del 55 per cento di gradimento.

IN UN ANNO CIALENTE SPARITO
Rispetto al rilevamento di un anno fa scompare dalla classifica il sindaco de L’Aquila Massimo Cialente che esattamente 12 mesi fa era il più amato d’Abruzzo secondo la stessa società di monitoraggio e veniva classificato al 27° posto nazionale con il 57,9% e un + 2,3% rispetto alla rilevazione precedente, facendo meglio di Matteo Renzi (al 39°).
Tra gli abruzzesi c’era anche il sindaco di Chieti, al 42° posto nazionale con il 55,6%. Non c’erano invece allora, come oggi, i sindaci di Teramo Maurizio Brucchi e il sindaco di Pescara, Luigi Albore Mascia.

LA CLASSIFICA NAZIONALE
Tornando ad oggi al quarto posto Carlo Capacci di Imperia (non era presente nella scorsa rilevazione in quanto eletto nel giugno del 2013) con un gradimento del 61%, quinto è il sindaco di Rieti Simone Petrangeli con il 60,9% (era ottavo nel primo semestre 2013), mentre le sesta piazza è per Claudio Pedrotti (Pordenone), che era primo nella precedente rilevazione, con il 60,6% (-2,2%).
Roberto Scanagatti sindaco di Monza è settimo con il 60,4% del gradimento (era nono nel primo semestre), mentre ottavo è Mario Lucini, primo cittadino di Como con un apprezzamento del 60,3% (-1,5%), Lucini era quarto nel primo semestre.
In discesa Flavio Tosi, sindaco di Verona, che passa dal terzo posto del primo semestre 2013 al nono del secondo con un gradimento complessivo del 59,8% (-2,4%). In decima posizione il Sindaco di Ancona Valeria Mancinelli con il 59,7% (non presente nella rilevazione del primo semestre perché eletta nel giugno 2013).
Monitorcittà è il sondaggio semestrale che enumera i sindaci dei capoluoghi di Provincia al di sopra del 55% di gradimento sull’operato, calcolato sulla base di un giudizio espresso dai cittadini. Sul totale di sindaci monitorati sono 36 quelli che entrano nella “top 55%”, erano 36 anche nel primo semestre 2013.

LE CITTA’ METROPOLITANE
L’indagine trimestrale Monitorcittà Aree Metropolitane vede invece in testa con il 60,1% (+0,9) il sindaco di Bari Michele Emiliano, seguito in seconda posizione da Piero Fassino (Torino) con il 56,1% (+0,8%) e da Giuliano Pisapia (Milano) con il 55,8% (-2,7%).
La quarta piazza è per il sindaco di Genova Marco Doria che con il suo 54,9% registra un -3,7% nel gradimento dei suoi cittadini. In discesa dell’ 1,6% invece Virginio Merola, sindaco di Bologna, che con un gradimento generale del 51,4% si trova in quinta posizione.
Le ultime tre posizioni sono occupate da Ignazio Marino, Giorgio Orsoni e Luigi De Magistris. Sesti a pari merito il Sindaco di Roma Ignazio Marino che con un gradimento generale del 51%fa segnare un calo del 2,6%, e Giorgio Orsoni di Venezia che fa invece segnare un -1,8%(gradimento sempre al 51%). Mentre chiude la classifica in ottava posizione il sindaco di Napoli Luigi De Magistris con il 49% dei consensi ed una flessione dello 0,5%.