LA TRAGEDIA

Schianto mortale squadra rugby, autista ancora in coma. Dimesso uno dei feriti

I compagni di scuola di Salvatore di Padova: «non ti dimenticheremo mai»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2233

Schianto mortale squadra rugby, autista ancora in coma. Dimesso uno dei feriti

Salvatore





L’AQUILA . Resta in pericolo di vita Marco Liberatore, 20 anni, ricoverato in Rianimazione all’ospedale dell’Aquila.
Il giovane sabato pomeriggio era al volante del pullmino che è finito fuori strada. Salvatore Di Padova, 14 anni è rimasto ucciso sul colpo. Liberatore e altri 6 compagni sono rimasti feriti.
Il direttore del reparto di anestesia e rianimazione del San Salvatore, Tullio Pozone, conferma che le condizioni di Liberatore sono molto gravi e stazionarie e che si prosegue con la sedazione per mantenere il paziente in coma farmacologico.

OSPEDALE DI SULMONA
Due dei tre ricoverati al presidio sulmonese restano in prognosi riservata, come rendono noto il direttore sanitario, Tonio Di Biase e il responsabile di rianimazione Giancarlo Cipriani.
Si tratta di A. R, 16 anni, ricoverato in terapia intensiva che da 24 ore è stato ‘stubato’, è cosciente e collabora con i medici. La respirazione viene tenuta sotto controllo. Sul giovane sono stati eseguiti esami strumentali su cavità addominale, vescica e arto inferiore destro, ecografie e doppler. Continua il costante monitoraggio generale. La prognosi, come detto, resta riservata. Ieri gli è stata asportata la milza e ha fratture al femore destro e lussazione a quello sinistro, oltre a fratture al naso.
L’altro ragazzo di 16 anni, M.M., in terapia intensiva, è anch’egli stubato da 24 ore, è cosciente e collabora. Ha una sospetta frattura al naso, fratture multiple al bacino, e all’omero sinistro, un ematoma alla milza e uno retro peritoneo. E’ stato sottoposto a ecografie all’addome e sulle lesioni al peritoneo.
Il terzo adolescente, anch’egli di 16 anni, A. A., ricoverato in chirurgia, già ieri era stato giudicato fuori pericolo e oggi presenta un significativo miglioramento. Ha policontusioni e trauma cranico minore.

CASTEL DI SANGRO: UNO DEI TRE È STATO DIMESSO
Come informa il direttore sanitario di presidio di Castel Sangro, Maurizio Masciulli, invece, A. C. , 16 anni, che ieri era ricoverato in chirurgia, questa mattina è stato dimesso dall’ospedale. Aveva una ferita esterna all’orecchio sinistro e un trauma minore.
Sono stabili le condizioni di L. U., 15 anni, ricoverato in Ortopedia, ha subìto politrauma, lussazione all’anca sinistra, distacco dell’epifisi dell’omero (non grave), e frattura della base del primo metacarpo destro. Il terzo paziente, 16 anni, A. F., ricoverato in Ortopedia, ha una piccola infrazione del femore; i medici non ritengono necessario l’intervento chirurgico ma solo un lungo periodo di riposo.

I COMPAGNI DI CLASSE RICORDANO SALVATORE
Intanto oggi per i parenti e gli amici di Salvatore di Padova è un lunghissimo giorno di dolore. I compagni di classe gli hanno dedicato un video con frasi d’affetto e fotografie in cui il piccolo campione di rugby compare sempre sorridente. La colonna sonora è quella della celebre canzone ‘Destinazione Paradiso’. «We Sasà da un momento all’altro ci hai lasciato»; scrivono gli amici, «per andare alla partita del tuo sport preferito non ci sei più, lasciando sola la tua famiglia, i tuoi amici, i tuoi allenatori. Lasciando un vuoto che nessuno riuscirà a colmare. Ma tu sei andato solo in un mondo migliore con quel sorriso, quello sguardo quella voce, nessuno li riuscirà a scordare. Ci mancherai e anche tanto. Perché nessuno ti riuscirà a scordare, resterai nei nostri cuori. Non abbiamo mai capito perché i buoni se ne vanno e i cattivi restano. Perché tu eri e sei un buono. Anche se riusciremo con difficoltà ad andare avanti… tu sari lassù a guardarci e a tenerci d’occhio . Non ti dimenticheremo mai».