VIVIBILITA'

Ambiente: 'Ecosistema Urbano' boccia le città abruzzesi

Nessuna raggiunge la sufficienza, ma ci sono dati positivi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1485

Ambiente: 'Ecosistema Urbano' boccia le città abruzzesi




ABRUZZO. Abruzzo bocciato in materia di 'eco-performance'.
Nessuna città abruzzese raggiunge, infatti, la sufficienza nell'ambito della 20/esima edizione di 'Ecosistema Urbano', il rapporto curato da Legambiente, Ambiente Italia e Sole 24 Ore che hanno analizzato la situazione dei capoluoghi di provincia italiani. In particolare, l'unica abruzzese presente nella classifica delle città medie è Pescara, 31/esima su 44, con un punteggio di 44,05%. Nella graduatoria delle città piccole ci sono, invece, Chieti (nona su 45; 56,99%), L'Aquila (decima posizione; 54,76%) e Teramo (20/esima posizione; 49,68%). Tra le principali criticità dell'Abruzzo si registrano i consumi idrici elevati per Pescara e Chieti, l'eccessiva dispersione idrica sempre nel capoluogo adriatico e all'Aquila, l'elevata produzione di rifiuti, fatta eccezione per Teramo.
Per quanto riguarda la raccolta differenziata, il dato resta invariato per Pescara e Teramo, mentre si assiste ad un balzo in avanti a Chieti e ad una brusca frenata all'Aquila. Dall'indagine emerge inoltre una scarsa presenza di piste ciclabili, a cui però si accompagna una discreta offerta di trasporto pubblico. Lo studio rileva inoltre come siano scarse, in genere, le Politiche ambientali di partecipazione e pianificazione. Per quanto riguarda l'ecomanagement, ultimi posti per Teramo e Pescara, mentre la situazione è migliore a Chieti e L'Aquila. Primo posto per il capoluogo abruzzese in materia di aree verdi, che, invece, vedono Chieti e Teramo in coda alla classifica.
«Restano scarse le politiche ambientali di partecipazione e di pianificazione - commenta il direttore di Legambiente Abruzzo, Antonio Sangiuliano -: bisogna puntare su ecomanagement e migliorare sempre l'offerta di trasporto. Le alte criticità nei consumi idrici dimostrano che c'è ancora molto da operare».

CLASSIFICA FINALE - ECOSISTEMA URBANO XX edizione

Pos

Città

 

Pos

Città

 

Pos

Città

 

 

Città Grandi

 

20

Ravenna

53,23%

11

Macerata

54,26%

1

Venezia

64,85%

21

Livorno

52,88%

12

Lecco

53,37%

2

Bologna

56,12%

22

Lucca

51,78%

13

Cremona

53,06%

3

Padova

53,22%

23

Prato

51,21%

14

Sondrio

52,34%

4

Verona

51,64%

24

Brescia

49,55%

15

Cuneo

51,46%

5

Genova

51,17%

25

Vicenza

48,33%

16

Ascoli Piceno

50,35%

6

Trieste

48,02%

26

Varese

47,36%

17

Siena

50,18%

7

Firenze

47,70%

27

Cagliari

46,88%

18

Biella

50,02%

8

Milano

46,52%

28

Novara

45,33%

19

Lodi

49,70%

9

Torino

46,31%

29

Pistoia

45,09%

20

Teramo

49,68%

10

Roma

42,81%

30

Arezzo

44,58%

21

Vercelli

48,91%

11

Napoli

40,01%

31

Pescara

44,05%

22

Benevento

48,76%

12

Messina

34,21%

32

Como

44,03%

23

Ragusa

44,42%

13

Bari

31,83%

33

Treviso

43,95%

24

Pavia

44,21%

14

Palermo

26,25%

34

Taranto

43,79%

25

Potenza

43,55%

15

Catania

25,59%

35

Alessandria

42,07%

26

Rieti

43,42%

 

Città Medie

 

36

Monza

41,54%

27

Matera

42,89%

1

Trento

71,38%

37

Grosseto

40,42%

28

Avellino

42,76%

2

Bolzano

67,80%

38

Brindisi

36,00%

29

Asti

42,50%

3

Parma

64,17%

39

Lecce

34,69%

30

Cosenza

42,19%

4

Perugia

63,40%

40

Foggia

33,77%

31

Savona

41,36%

5

La Spezia

63,03%

41

Reggio Calabria

32,08%

32

Rovigo

39,72%

6

Reggio Emilia

60,42%

42

Catanzaro

30,95%

33

Imperia

38,43%

7

Pisa

59,46%

43

Latina

30,87%

34

Caserta

38,23%

8

Forlì

59,26%

44

Siracusa

29,38%

35

Campobasso

36,58%

9

Piacenza

57,83%

 

Città Piccole

 

36

Viterbo

33,21%

10

Pesaro

57,70%

1

Belluno

72,19%

37

Isernia

33,15%

11

Ancona

56,94%

2

Verbania

66,32%

38

Enna

31,38%

12

Modena

56,39%

3

Nuoro

65,00%

39

Frosinone

27,40%

13

Udine

56,30%

4

Pordenone

64,43%

40

Massa

25,40%

14

Bergamo

55,57%

5

Mantova

59,44%

41

Trapani

24,77%

15

Ferrara

55,19%

6

Gorizia

58,49%

42

Vibo Valentia

24,63%

16

Terni

55,13%

7

Oristano

58,33%

43

Crotone

21,81%

17

Sassari

54,68%

8

Aosta

58,04%

44

Agrigento

19,23%

18

Salerno

54,21%

9

Chieti

56,99%

45

Caltanissetta

18,69%

19

Rimini

53,85%

10

L'Aquila

54,76%

 

 

 

Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2012)

Indicatori

Le migliori

Le peggiori

NO2 (μg/mc)

Grandi: Napoli (37,0); Venezia (39,1);

Medie: Reggio C. (12,2); Salerno (21,2);

Piccole: Oristano (11,5); Ragusa (16,0)

Grandi: Bari (nd);

Medie: Brindisi, Cagliari e altre 5 (nd);

Piccole: Avellino, Agrigento e altre 16 (nd)

PM10 (mg/mc)

Grandi: Messina (20,0); Genova (22,0);

Medie: Bolzano (15,0); Sassari (18,7);

Piccole:Nuoro, Potenza (17,0);Belluno (20,0)

Grandi: Torino (43,3); Bari (nd);

Medie:  Brindisi, Cagliari e altre 5 (nd);

Piccole:  Avellino, Agrigento e altre 15 (nd)

Ozono (gg. sup. media)

Grandi:Catania, Messina (1,0); Napoli (8,9);

Medie: Salerno, Sassari (0,0); Reggio C., Rimini (1,0);

Piccole: Chieti, Nuoro (0,0); Macerata (2,5)

Grandi: Bari (nd); Padova (67,7);

Medie: Brindisi e altre 8 (nd);

Piccole: Vibo V. e altre 16 (nd)

Perdite rete idrica (%)

Grandi: Milano (14%); Torino (22%);

Medie: Reggio E. (10%); Monza (15%);

Piccole:Pordenone (10%); Cremona e Macerata (12%)

Grandi: Catania (53%); Palermo (52%);

Medie: Latina (62%); 3 città (nd);

Piccole: Cosenza (68%); 7 città (nd)

Depurazione (%)

Grandi: Milano e Torino (100%);

Medie: Bolzano e altri 7 (100%);

Piccole: Aosta e altre 5 (100%)

Grandi: Palermo (44%); Catania (22%);

Medie: Treviso (32%); Salerno (nd);

Piccole: Benevento (21%); 3 città (nd)

Rd - rifiuti (%)

Grandi: Verona (50,9%); Padova (45,7%);

Medie: Novara (69,7%); Salerno (68,5%);

Piccole: Pordenone (79,0%); Verbania (72,8%)

Grandi: Messina (5,5%); Palermo (11,4%);

Medie: Siracusa (3,0%); Foggia(3,7%);

Piccole: Enna(1,1%); Isernia (9,5%)

T.P.L.-viaggi/ab./anno

Grandi: Venezia (564); Milano (484);

Medie: Trento (185); Brescia (161);

Piccole: Siena (220); Pavia (99)

Grandi: Messina (24); Palermo (41);

Medie: Latina (7); Rimini e Salerno (nd);

Piccole: Agrigento, e altre 3 città (nd)

AUTO (auto/100 ab.)

Grandi: Venezia (41); Genova (46);

Medie: La Spezia (50); Livorno (53);

Piccole: Savona (55); Crotone, Sondrio, Lodi (56)

Grandi: Catania (73); Roma (67);

Medie: Trento (115); Bolzano (97);

Piccole:Aosta (246); Viterbo, L’Aquila (74)

Incidentalità Stradale (vittime/10mila ab.) [dato 2011]

[dato ISTAT anno 2011]

Grandi: Trieste (0,19); Torino (0,32);

Medie: Pistoia (0,11); Treviso (0,12);

Piccole: Campobasso e altre 4 (0,00);

[dato ISTAT anno 2011]

Grandi: Catania (0,78); Roma (0,67);

Medie: Foggia (1,51); Pesaro (1,36);

Piccole: Rovigo (1,32); Frosinone (1,25)

Isole pedonali (mq/ab.)

Grandi: Venezia (5,10); Firenze (1,08);

Medie: Lucca (1,19); Terni (0,88);

Piccole: Verbania (2,14); Cremona (1,07)

Grandi: Palermo (0,09); Verona (0,16);

Medie: Brindisi (0,00); Taranto (nd);

Piccole: Agrigento e altre 4 (nd)

Piste Ciclabili (m_eq/100ab)

Grandi: Padova (15,19); Venezia (12,50);

Medie: Reggio E. (38,02); Alessandria (19,16);

Piccole: Mantova (26,74); Lodi (26,48)

Grandi:Genova (0,07); Napoli (0,29);

Medie: Siracusa e Reggio C. (0,00); Brindisi e Taranto (nd);

Piccole: Agrigento e altre 3 (nd)

Verde fruibile (mq/ab.)

[dato 2011]

[dato ISTAT anno 2011]

Grandi: Venezia (25,27); Bologna (22,54);

Medie: Monza (59,64); Lucca (43,30);

Piccole: Nuoro (63,94); Pordenone (53,69)

[dato ISTAT anno 2011]

Grandi: Palermo (3,40); Napoli (4,40);

Medie: Lecce (0,58); Taranto (1,70);

Piccole: Caltanissetta (0,76); Crotone (1,55)