POST TERREMOTO

Ricostruzione L’Aquila: Pezzopane, «Chiodi va a Roma solo per riunioni di partito»

Per la senatrice il ‘vero’ incontro sui fondi ci sarà la prossima settimana

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1731

Ricostruzione L’Aquila: Pezzopane, «Chiodi va a Roma solo per riunioni di partito»

Stefania Pezzopane




L’AQUILA. «La trasferta romana di Chiodi non e' stata altro che una riunione del centrodestra, dal chiaro sapore elettorale».
Ne è convinta la senatrice Stefania Pezzopane (Pd) secondo cui non era necessario andare fino alla capitale, «se volevano incontrarsi tra di loro. Potevano benissimo rimanere a L'Aquila. Oltretutto avrebbero fatto risparmiare alle tasche dei cittadini le spese per la benzina e le auto blu. L'Aquila e il cratere- prosegue la senatrice- non hanno bisogno di questi teatrini, non hanno bisogno di divisioni. Se davvero si hanno a cuore le sorti della ricostruzione, a Roma bisognera' andarci tutti uniti e in veste istituzionale. Non come capi delegazione di partito. Mentre Chiodi e i suoi colleghi consumavano la loro conventicola, io ho incontrato il vice ministro dell'Economia e delle Finanze, Stefano Fassina, che mi ha assicurato che il tavolo governativo, chiesto a Letta nei giorni scorsi, si terra' la prossima settimana».
Dovra' essere quella, secondo Pezzopane, l'occasione per ribadire, uniti, al governo quali sono le necessita'.

I DUE OBIETTIVI
«Sono due i risultati che dovremo portare a casa- prosegue la senatrice- L'anticipazione del miliardo e duecento milioni, «che, ricordo a Chiodi, e' un provvedimento di questo governo, e lo stanziamento di altri fondi. Questo e' anche l'obiettivo dell'emendamento che ho predisposto e che prevede 600 milioni all'anno per i prossimi tre anni, provenienti dalle accise, come e' avvenuto in altri casi di calamita' naturali. Anche il centro destra finalmente ha compreso che la ricostruzione va finanziata con nuove entrate. Fino a qualche tempo fa, schernivano l'idea. Sono tramontate le boriose affermazioni di Berlusconi e Chiodi che non si possono mettere le mani in tasca ai cittadini. Servono risorse certe per andare avanti, come e' accaduto con i 30 milioni di euro, svincolati dal patto di stabilita'. Risorse di cui ora i Comuni del cratere possono disporre grazie all'approvazione di un mio emendamento al decreto emergenze. Apprendo con piacere-conclude la senatrice- che la giunta regionale ha deliberato sul patto di stabilita' verticale, dando cosi' seguito a quanto stabilito dalla legge 71/2013. La deroga al patto di stabilita' per i comuni del cratere e' stato un risultato importante. Gli enti locali potranno investire in opere pubbliche per 30 milioni di euro in piu', senza il blocco del patto stabilita'. Si liberano in questo modo risorse necessarie alla ricostruzione e si innesca un processo virtuoso per dare una boccata d'ossigeno alle imprese e ai lavoratori».