IL BARATRO

Abruzzo. Iva, l’appello del Codacons ai commercianti: «bloccare prezzi per il 2013»

Lo spettro dell’ecatombe per il commercio fa paura

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1643

Abruzzo. Iva, l’appello del Codacons ai commercianti: «bloccare prezzi per il 2013»

ABRUZZO. Nel giorno dell’entrata in vigore della nuova aliquota Iva al 22%, il Codacons rivolge un appello a tutte le organizzazioni dei commercianti dell’Abruzzo e alla grande distribuzione locale, chiedendo di bloccare i prezzi in regione e non applicare la maggiore aliquota fino al prossimo 31 dicembre.
Per una volta consumatori e commercianti sono sulla stessa barricata – spiega il Codacons – La maggiore aliquota introdotta oggi, infatti, determina una stangata per le famiglie dell’Abruzzo pari a 209 euro annui per una famiglia di 3 persone, 279 euro per un nucleo di 4 persone, e addirittura 349 euro su base annua per una famiglia composta da 5 elementi.
A tali dati, poi, occorre aggiungere –precisa l’associazione- le maggiori spese legate all’aumento dei prezzi dei prodotti trasportati, in primis gli alimentari, i cui listini subiranno rincari a causa dei più alti costi di trasporto. Ma ad essere danneggiati saranno anche gli esercenti dell’Abruzzo, in quanto la riduzione dei consumi (stimabile in un -3%) che farà seguito ai rincari dei prezzi per effetto dell’Iva, «causerà una vera e propria ecatombe nel settore del commercio, già stremato dalla crisi economica in atto».
«Per questo rivolgiamo oggi un appello a commercianti e grande distribuzione della regione», conclude il Codacons, «bloccate i prezzi fino al 31 dicembre 2013, senza applicare ai listini la nuova Iva e senza rincari. Solo così infatti, in assenza di un decreto che cancelli l’incremento dell’aliquota, sarà possibile annullare gli effetti dirompenti che la nuova Iva avrà sui consumi, e il mondo del commercio eviterà una strage di piccoli negozi, destinati a scomparire per effetto dei minori acquisti da parte dei cittadini».