NUMERO CHIUSO

Università: partono i test di ingresso alle facoltà di medicina

75.000 studenti per 10.700 posti; Link attacca numero chiuso

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1713

Università: partono i test di ingresso alle facoltà di medicina



ROMA. Oggi migliaia di diplomati affronteranno in tutta Italia il test per l'accesso alle facoltà di Medicina e Odontoiatria inseguendo il sogno del camice bianco.
La concorrenza è molto forte: solo uno su otto ce la potrà fare. Gli studenti registrati al portale Universitaly, primo step della procedura di iscrizione on line, sono stati 84.165, ma i paganti quelli cioé che hanno perfezionato l'iscrizione con un pagamento valido presso l'ateneo individuato come prima scelta sono 74.312. Da uno step all'altro si sono persi per strada quasi 10.000 persone. E non è detto che tutti quelli che hanno pagato, domattina si presenteranno all'appello. Ne restano comunque tantissimi a contendersi i 10.771 posti disponibili per l'anno accademico 2013-14 (inclusi i posti riservati agli studenti stranieri che, per il solo corso di Medicina, possono essere utilizzati se eventualmente non coperti).
Per i candidati 60 quesiti a cui rispondere in 100 minuti: 5 di cultura generale, 25 di ragionamento logico, 14 di biologia, 8 di chimica e 8 di fisica e matematica. E graduatoria nazionale (a differenza della passata edizione in cui erano previste 12 aggregazioni territoriali). Entro il 16 settembre i partecipanti potranno prendere visione nell'area riservata del sito del ministero (http://accessoprogrammato.miur.it) del loro voto di maturità. Se il voto fosse mancante o sbagliato va indicato. Questa procedura è importante per quelli che hanno diritto al bonus Maturità (in via di soppressione, ma dal prossimo anno), altrimenti il punteggio aggiuntivo da sommare al risultato del test non verrà assegnato. In caso di dichiarazione mendace sul voto di maturità, il candidato sarà escluso dalla graduatoria o, se già immatricolato, decadrà dall'iscrizione. I risultati del test verranno poi pubblicati sullo stesso sito il 23 settembre in forma anonima e in base al codice identificativo della prova, personale per ogni candidato. Il 30 verranno pubblicate le graduatorie finali. 


A quel punto lo studente può risultare Assegnato o Prenotato per una data sede universitaria. Se assegnato ha tempo quattro giorni lavorativi per iscriversi, altrimenti perde il diritto all'immatricolazione. Se prenotato, vuol dire che non ci sono posti disponibili nella sede universitaria da lui indicata come migliore scelta. A quel punto può iscriversi in quella in cui risulta prenotato oppure aspettare che si liberi un posto nell'altra. Stanti questi tempi, ogni cinque giorni viene aggiornata la graduatoria nazionale. Alla vigilia del test l'associazione studentesca Link, da tempo ostile al numero chiuso, rincara la dose: «E' giunto il momento di prendere atto che il sistema del numero chiuso è completamente fallito e che sta contribuendo a distruggere non soltanto il Diritto allo Studio, ma anche quello alla Salute».
 La domanda di medici è in continua ascesa e non viene per nulla soddisfatta dal numero di laureati immessi nel mondo del lavoro, afferma l'associazione con il conforto dei numeri: «attualmente i medici che esercitano la professione sono circa 350.000, cifra che si abbasserà considerevolmente a causa di massicci pensionamenti, e non solo, che caratterizzeranno gli anni a venire. Entro il 2015 sono previsti circa 17.000 pensionamenti di medici facenti parte di strutture ospedaliere e non; entro il 2017 si prevede un buco di circa 10.000 medici di base; entro il 2018 mancheranno in totale circa 22.000 medici. Il deficit totale di medici previsto nei prossimi 10 anni è di circa 50.000 unità».