GOVERNO

Legge stabilità, 1,2 miliardi ai Comuni. Congelate le Province

Oggi fiducia a Palazzo Madama

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1465

palazzo Madama

Palazzo Madama

ROMA. Via libera al congelamento della riforma delle province e al congelamento delle elezioni per un anno.


La commissione Bilancio ha approvato l'emendamento dei relatori alla Legge di Stabilità. La commissione Bilancio del Senato ha anche approvato una misura che prevede il "riallineamento" della riorganizzazione delle prefetture, che si è reso necessario con il congelamento della riforma delle province.
Il provvedimento questa mattina sarà esaminato dall'aula di Palazzo Madama, con il ricorso alla fiducia da parte del governo per accelerarne l'approvazione. Per altro l'aumento delle risorse è ritenuto insufficiente dai sindaci che ieri sera hanno minacciato le dimissioni in massa. Nella giornata di ieri si sono registrate altre importanti novità, come l'approvazione degli emendamenti sul sisma dell'Emilia e sul congelamento della riforma delle province e delle città metropolitane. E sempre sul sisma per l'Emilia arriva l'attuazione pratica delle norme contenute nel decreto costi della politica e enti locali, con l'intesa fra Abi e Cdp per il fondo 'Ricostruzione Sisma 2012' da 6 miliardi di euro, che consente alle banche l'erogazione di finanziamenti agevolati "a totale carico dello Stato".
Il rimpinguamento delle risorse per gli Enti locali era il capitolo più importante per i senatori, che ha frenato il cammino della legge a Palazzo Madama. Ieri mattina, per superare l'impasse, è arrivato il ministro Vittorio Grilli che, in una riunione con il presidente della commissione Bilancio, Antonio Azzollini (Pdl), e con i relatori, Giovanni Legnini (Pd) e Paolo Tancredi (Pdl), ha dato l'ok all'aumento dei fondi. Subito, già in mattinata, la commissione ha approvato due emendamenti importanti. Il primo prevede la cosiddetta busta paga pesante per i lavoratori delle zone colpite dal sisma del maggio scorso: potranno restituire a rate i contributi Inps e Inail non pagati e non tutti insieme entro il 21 dicembre. Il secondo emendamento stabilisce il congelamento degli effetti dell'abrogazione delle province, ma anche della nascita delle città metropolitane.
Misura questa contestata però dall'Anci che chiede di eliminarla in aula. Nel pomeriggio dopo una riunione di quattro ore dei relatori con il Tesoro è arrivato l'emendamento su Comuni e Province, per i quali ci saranno 1,250 miliardi, di cui 250 milioni di minori tagli, e un miliardo di allentamento del patto di stabilità. I Fondi destinati ai Comuni per lo sforamento del patto di stabilità interno, salgono a 600 milioni; quelli per le Province a 200. In più ci sono 180 milioni per i piccoli comuni, sotto i 5.000 abitanti, nonché ulteriori 20 milioni per quei comuni che hanno adottato il bilancio sperimentale. Ma l'impostazione non piace ai sindaci, presenti a Palazzo Madama con il presidente dell'Anci, Graziano Del Rio, e il primo cittadino di Roma, Gianni Alemanno. Questi ha minacciato le dimissioni di massa dei suoi colleghi se i minori tagli non saliranno da 250 a 500 milioni, magari riducendo l'allentamento del patto di stabilità. Il braccio di ferro ha interrotto i lavori della commissione Bilancio che dovrà decidere come muoversi.