CASA

1672 richieste di sfratto in Abruzzo. L’Unione inquilini scende in piazza

Mercoledì 10 ottobre ci sarà la giornata internazionale “Sfratti Zero”

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1438

sfratti
PESCARA. Una giornata contro gli sfratti.

Mercoledì, 10 ottobre, in numerose piazze italiane si terrà la “Sfratti Zero Day”. La giornata rientra nel mese dedicato alla campagna internazionale "sfratti zero" e vede l’adesione di centinaia di associazioni, comitati, sindacati, movimenti, rappresentanti di enti locali.
Anche gli abruzzesi si riverseranno in piazza per dire basta al fenomeno e per chiedere che la questione venga affrontata dalla politica, una volta per tutte. Ci saranno presidii in piazza Sacro Cuore a Pescara, a partire dalle ore 10.00. Banchetti e volantinaggi si terranno anche a Vasto dalle ore 18.00 in piazza Barbacani, a Roseto degli Abruzzi dalle ore 18.00 in piazza della Libertà e poi a L’Aquila, Palena, Raiano e Chieti.
In Italia solo nel 2011, in base ai dati forniti dal Ministero dell'Interno, è stata emessa una sentenza di sfratto ogni 50 famiglie in affitto; ogni giorno si eseguono almeno 140 sfratti con l’intervento della forza pubblica e nel futuro, con l'azzeramento del finanziamento del fondo contributo affitto, 300 mila famiglie rischiano di andare incontro a sfratti per morosità. In Abruzzo i dati del 2011 disegnano una condizione di sofferenza sociale: sono state 625 le sentenze emesse, di cui 556 per morosità e 1672 le richieste di esecuzione forzata. La prima causa di sfratto rimane la morosità.
L’Unione Inquilini ed il Comitato “Sfratti zero”, in sostanza, chiedono la fine degli sfratti, compresi quelli per morosità incolpevole, l'utilizzo del patrimonio del demanio civile e militare, per offrire un’abitazione alle persone in difficoltà, un piano straordinario di edilizia residenziale pubblica che recuperi l'esistente, il sostegno alla costruzione, la requisizione temporanea di immobili non affittati ed appartenenti ai privati.