LA PROTESTA

Orgoglio geometri, tutti in piazza per salvaguardare le competenze professionali

«La categoria ha un regolamento del 1929»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2306

Orgoglio geometri, tutti in piazza per salvaguardare le competenze professionali
ROMA. Sostenere e salvaguardare le competenze dei geometri. E’ questo lo scopo della giornata nazionale delle competenze del geometra in ambito edilizio, che si terrà il prossimo 26 settembre 2012 a Roma.

Lo scopo dell'iniziativa è infatti quello di «sensibilizzare l'opinione pubblica ed il mondo politico rispetto alle problematiche dei geometri relativamente alle competenze professionali in materia di edilizia».
I professionisti voglio attirare l’attenzione del Parlamento e del Governo sulla non «più rinviabile esigenza di dotare la Categoria di nuovo Regolamento Professionale in sostituzione di quello tutt’oggi vigente e che risale al Regio Decreto n.274 del 1929».
I Geometri chiedono certezza normativa all'esercizio della propria professione chiarendone e definendone l'ambito di competenza alla luce sia delle profonde trasformazioni avvenute nel campo della tecnologia e della tecnica costruttiva rispetto al 1929.
Sono due i Disegni di Legge in atto giacenti in Parlamento ed aventi ad oggetto "Disposizioni in materia di competenze professionali dei geometri", ricorda il geometra Michele Barbagallo. Presso il Senato della Repubblica è stato presentato a settembre del 2009 il disegno di Legge n.1865 (il cui esame è fermo nell'ottava Commissione dallo scorso mese di giugno), mentre presso la Camera dei Deputati c’è il disegno di Legge n.3493 del maggio del 2009 che non ha neanche iniziato l'iter di esame presso le commissioni. Nel corso delle diverse legislature, a partire dalla terza e fino all’attuale, numerosi progetti di legge hanno portato all’attenzione del Parlamento tale problematica e, in alcune occasioni, lo scioglimento anticipato delle Camere ha bloccato l’iter di testi normativi che erano stati già approvati dalle Commissioni. Addirittura, nel caso del Ddl 884 presentato nella 13^ Legislatura, il testo di legge fu definitivamente approvato dal Senato il 25 Gennaio del 2001.