CRISI MORTALE

4000 suicidi l'anno in Italia, aumento in fascia 25-69 anni

E’ la più colpita da crisi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2100

4000 suicidi l'anno in Italia, aumento in fascia 25-69 anni
ROMA. Nel mondo si registrano un milione di suicidi ogni anno.

In Italia circa 4000 e con la crisi economica il fenomeno è cresciuto nella fascia d'età che va dai 25 ai 69 anni, praticamente quella che lavora. E' questa l'analisi del professor Maurizio Pompili, responsabile del Servizio per la Prevenzione del Suicidio dell'Ospedale S. Andrea di Roma, Università La Sapienza, alla vigilia della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio che - promossa dalla International Association for suicide prevention e Organizzazione mondiale della sanità (Oms) - si ricorda oggi con varie iniziative.
«E' importante capire che il suicidio non è più legato ad un disturbo mentale ma che fattori di rischio importanti come la perdita di uno status lavorativo e la vergogna agiscono sulla vulnerabilità dell'individuo che si trova a vivere un dramma nel quale non vede vie d'uscita. Se però c'é un aiuto, queste persone mettono da parte l'idea di morire e 'tornano a combattere'», spiega Pompili che aggiunge: «Ci vorrebbe una rete nazionale di assistenza che al momento è affidata ad iniziative volontarie, di strutture e di persone. Sarebbe utile una strategia nazionale, i provvedimenti economici di sostegno alla crisi dovrebbero andare di pari passo ai provvedimenti di sostegno sanitario». Ma quali sono i campanelli d'allarme del rischio suicidio? «Insonnia prolungata, forte agitazione, cambi repentini di umore, affermazioni dirette come 'voglio morire' e una specie di testamento simbolico, cioé dare via cose care», spiega Maurizio Pompili che sottolinea come il fenomeno è più diffuso negli uomini che nelle donne («c'é un rapporto di 3 a 1») in tutto il mondo tranne che in Cina.
«A distanza di dieci anni dall'istituzione della Giornata Mondiale della Prevenzione dei suicidi qualche cambiamento c'é stato - conclude Pompili -: prima c'era molta difficoltà a parlarne, ora questo argomento è stato sdoganato, è un tema portato anche in ambienti ecclesiastici e nelle scuole».