SICUREZZA ALIMENTARE

Un milione di euro di olive in salamoia sequestrate

I Nas mettono i sigilli a 600 tonnellate di olive in una azienda abruzzese

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5051

Lo stabilimento sequetrato

Lo stabilimento sequetrato

PESCARA. I sigilli sono scattati questa mattina.  I Carabinieri del NAS di Pescara hanno sequestrato 600 tonnellate di olive in salamoia di ignota provenienza per un valore di oltre 1 milione di euro.

 L'operazione è scattata nell'ambito di alcuni servizi di controllo effettuati nei confronti delle industrie conserviere, i militari hanno così individuato un’azienda abruzzese di grandi dimensioni, specializzata nella lavorazione e commercializzazione di olive in salamoia, che operava in precarie condizioni igieniche e senza garantire la sicurezza della propria produzione.
Nel corso dell’ispezione i militari del Nucleo abruzzese hanno accertato infatti una serie di irregolarità di carattere sanitario, quali la massiccia presenza di polvere, unto ed incrostazioni derivanti da precedenti lavorazioni diffuse in tutti gli ambienti produttivi e nelle strutture adibite a magazzino; copiose tracce di escrementi animali e pozzanghere di acqua sporca venivano inoltre rinvenute in uno dei locali aziendali, mentre un altro ambiente era colmo di materiale in disuso non pertinente con l’attività svolta.
Dalla verifica della documentazione e dalle procedure di controllo poste in essere dall’azienda, i carabinieri hanno accertato inoltre che tutte le materie prime ed i prodotti finiti erano privi di rintracciabilità, tanto che l’azienda non è stata in grado di esibire la documentazione atta a dimostrare la regolare fornitura delle olive, in corrispondenza delle quali non erano neanche stati apposti cartelli o indicazioni inerenti la data di lavorazione ed il lotto.
 L’adozione di un sistema di rintracciabilità per le derrate in entrata ed in uscita, obbligatoria ai sensi della normativa nazionale e comunitaria, è necessaria per individuare la provenienza della materia prima e quindi per assicurare la sicurezza degli alimenti oggetto dell’attività aziendale.
Sulla base delle irregolarità accertate, i Nas hanno sottoposto a sequestro sanitario 4000 fusti contenenti ognuno 150 kg di olive intere e denocciolate in salamoia, destinate alle aziende di confezionamento, per un peso totale di 600 tonnellate di prodotto ed un valore commerciale di 1,2mln. Inoltre, a cura del competente servizio Asl, è stato adottato un provvedimento di immediata chiusura dell’opificio, esteso su circa 4mila mq, a causa della carente situazione igienico sanitaria riscontrata.