SOCIAL NETWORK

Beppe Grillo e' il piu' influente "cinguettante" del panorama politico italiano

Ricerca di France Press

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2014

Beppe Grillo e' il piu' influente "cinguettante" del panorama politico italiano
TWITTER. Con i suoi 533mila seguaci, il leader del Movimento 5 Stelle guida la classifica dei personaggi piu' seguiti stilata dal sito dell'agenzia di stampa francese Afp che da' i voti a personalità della politica, del giornalismo e delle istituzioni utilizzatori di Twitter in tutti i principali Paesi del mondo.

Al secondo posto dell'elenco italiano della France Presse figura lo scrittore Roberto Saviano seguito da Pier Luigi Bersani che, con i suoi 121.961 "followers" apre la lista dei politici nella quale compaiono anche il leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro (oltre 118 mila seguaci), Pier Ferdinando Casini (circa 60 mila), Piero Fassino e Angelino Alfano, entrambi con circa 28 mila seguaci. Primo e unico componente del governo Monti nella Top Ten dei piu' influenti su twitter e' il ministro degli Esteri Giulio Terzi, decimo con circa 22 mila followers.
Tra i primi 10 anche due giornalisti, il direttore de La Stampa, Mario Calabresi, e quello di Repubblica, Ezio Mauro, rispettivamente 43 mila e 40 mila seguaci.
Proprio tre dei top twitters italiani, Fassino, Calabresi e Terzi, hanno partecipato la scorsa settimana a Torino a "Twiplomacy", il convegno organizzato da Ministero degli Esteri e Citta' di Torino e dedicato al ruolo di twitter negli affari internazionali.
Per quanto riguarda le celebrità italiane, invece, al primo posto c’è il motociclista Valentino Rossi che proprio nei giorni scorsi ha superato il milione di seguaci (praticamente il doppio di Grillo). A seguire Jovanotti.
Intanto proprio ieri Twitter ha smesso di cinguettare per un bug. Nel tardo pomeriggio, tra le 18 e le 19 circa, gli utenti non sono riusciti ad accedere al sito. Il problema è stato poi risolto e si è scoperto che è stato causato da un problema interno. In un primo momento si era pensato anche ad un attacco hacker ma l’ipotesi è stata poi smentita.