TASSE

Imu, i tea party d’Abruzzo scendono in piazza

Sabato 16 giugno a Venezia si celebra il “no imu day”

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2465

Imu, i tea party d’Abruzzo scendono in piazza
ABRUZZO. Sabato 16 giugno, dalle ore 14.00 in Campo S.Geremia a Venezia si terrà la seconda manifestazione nazionale contro il fisco e per le riforme liberali promossa dai Tea Party italiani.

In una data simbolo (il 16 giugno è il termine di pagamento della prima rata Imu) e in una città simbolo del Nord Est operoso e vessato dal fisco, Tea Party dà a tutti appuntamento in piazza per fare sentire forte ma pacificamente la propria voce.
«Alle spalle del No Imu Day – dice Andrea Fiamma, coordinatore del Tea Party Abruzzo – c'è una convinzione sulla quale non siamo disposti a trattare: la casa è un diritto ed è la nostra garanzia di libertà. Non possiamo pagare l'affitto allo Stato sulle nostre case». Per questa ragione il Tea Party Abruzzo sarà presente con una folta delegazione: «sventolerà anche la bandiera abruzzese per rappresentare tutti i nostri corregionali che in questi anni hanno pagato le tasse per vederle risucchiate nei debiti della sanità e negli sprechi».
Il Tea Party italiano, ormai da 2 anni sulla scena politica come movimento di opinione in difesa dei contribuenti tartassati, ha promosso questa grande mobilitazione contro l'Imu, dopo mesi in cui ha fatto circolare in oltre 300 Consigli Comunali in tutta Italia una mozione per abbassare al minimo l'aliquota sulla prima casa – facendo risparmiare soldi a molte famiglie nelle decine di comuni dove è stata approvata. Un'iniziativa concreta e di successo, come nella tradizione del Tea Party che ha sempre anteposto le proposte alle proteste.


Nonostante l'oppressione fiscale del Governo ad oggi lo Stato italiano ha incassato meno del previsto, per colpa proprio delle troppe imposte che frenano i consumi e portano solo recessione.
«Eppure Monti dovrebbe sapere che proprio a causa degli eccessi del fisco nella storia sono crollati imperi e nazioni e sono nate rivoluzioni, come quella americana a cui il Tea Party di oggi si ispira», commenta Fiamma. «on vogliamo restare a guardare mentre l'Italia muore di tasse e la politica non dà risposte».