CONDOMINI

In arrivo nuove regole per i condomini. Ecco che cosa cambierà

Entro giugno l'approvazione definitiva

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7731

In arrivo nuove regole per i condomini. Ecco che cosa cambierà
ABRUZZO. Novità in arrivo per i condomini. La riforma del condominio che prevede nuove regole si avvia verso una rapida approvazione.

Il testo licenziato dal Senato è ora al veglio del Parlamento che dovrà approvarlo a metà giugno in Aula (il termine per gli emendamenti è il 5 giugno). La riforma del condominio come è emersa in commissione Giustizia recepisce il disegno di legge di Lino Duilio.
Con le nuove regole cambieranno le responsabilità in capo all’amministratore i cui poteri risultano più ampi, i poteri dei condòmini che potranno esercitare un più serrato controllo sull’amministratore e muteranno anche le maggioranze richieste per la votazione in assemblea.

La riforma prevede, tra le norme più importanti: l'estensione della disciplina ai supercondominii, la possibilità dei condomini di chiedere all'amministratore la diffida all'uso difforme delle parti comuni, maggioranze più facili per decidere le innovazioni, norme specifiche per installare antenne tv satellitari, pannelli solari e impianti di videosorveglianza, criterio di competenza per il rendiconto condominiale e regole ampie per il controllo dei giustificativi di spesa, la riduzione a solo un terzo dei millesimi (e non delle teste) come maggioranza minima per approvare le delibere in seconda convocazione, il divieto per i creditori di rivalersi sui condomini in regola con i pagamenti delle rate e la solidarietà tra acquirente e venditore dell'appartamento sinché l'amministratore non venga avvisato della vendita, la possibilità di cambiare le tabelle quando le modifiche alterano per almeno il 20% i valori proporzionali dell'edificio, la prededucibilità delle rate condominiali per manutenzione ordinaria e straordinaria.

AMMINISTRATORE
La figura più controversa ed oggetto di perplessità per i poteri riconosciutigli è quella dell’amministratore.
Con le nuove regole, questa figura dovrà : prestare una garanzia sotto forma di polizza assicurativa che copra almeno l'importo dell'ultimo bilancio consuntivo del condominio; far passare tutte le somme ricevute dai condomini sul conto corrente del condominio così da permettere a tutti di visionarle. Ai fini di un maggiore controllo sulla sua attività è previsto l'obbligo (su richiesta dell'assemblea) di attivare un sito web condominiale dove siano consultabili rendiconti e verbali. L'amministratore dovrà anche tenere il registro con i dati di tutti i condomini e la tenuta del registro verbali, nonché iscriversi al registro presso l'agenzia del Territorio.
Scompare, invece la disposizione che permetteva all'amministratore di accedere alle singole unità immobiliari per verificare eventuali violazioni alle norme sulla sicurezza dell'edificio. Vengono introdotte invece le disposizioni per agevolare l'applicazione della conciliazione obbligatoria anche nel campo condominiale e l'obbligo di rivolgersi ad un organismo di conciliazione con sede dove è ubicato il condominio; vengono elencate infine molte «gravi irregolarità» che possono causare la revoca dell’amminsitratore, legate soprattutto alla mancata trasparenza contabile e alla trascuratezza nella gestione dei crediti condominiali. 

CONDOMINI
Per i condomini sarà molto più facile grazie alle nuove maggioranze stabilite decidere le innovazioni norme specifiche per installare antenne tv satellitari, pannelli solari e impianti di videosorveglianza; viene ridotta a solo un terzo dei millesimi (e non delle teste) la maggioranza minima per approvare le delibere in seconda convocazione.Buone notizie anche sul fronte dei creditori. Questi ultimi non potranno rivalersi sui condomini in regola con i pagamenti delle rate; viene ufficializzata infine la solidarietà tra acquirente e venditore dell'appartamento fino a che l'amministratore non riceva copia del rogito.
m.b.