AMMINISTRATIVE 2012

Beppe Grillo a L’Aquila e Montesilvano: «mandateli tutti a casa»

Doppia tappa per il comico genovese

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4855

Foto: Adamo Di Loreto

Foto: Adamo Di Loreto

ABRUZZO. «Sono arrivato in camper ma non so chi me l’ha pagato, è pazzesco». Ieri pomeriggio Beppe Grillo è intervenuto in Piazza Diaz a Montesilvano per il lancio della lista Movimento 5 stelle.

Sempre a Montesilvano è stata presentata la lista di Spolotore (candidato sindaco Carlo Spatola Mayo) e poche ore prima  Grillo era stato anche a piazza Duomo a L’Aquila per il sostegno alla candidata Enza Blundo: battute e ‘raccomandazioni’ sono state le stesse.
«Ci sono i ladri inconsapevoli», ha detto, «siamo nella metafisica della politica». «Guardate questi candidati», ha poi detto rivolgendosi ai cittadini in piazza, «questa è una lista di voi, siete un po’ di voi messi lì. Non avete più niente da perdere, avete già eletto chi non doveva essere eletto. Adesso basta».
Non sono mancati riferimenti alla stretta attualità o ai personaggi della politica nazionale. «C’è questo ‘Rigor Montis’ (il premier Mario Monti, ndr) che va in Cina ma noi faremo i cinesi dei cinesi»; «Maroni sembra un rappresentante dell’Oréal»; Alfano «con gli occhi che non sa dove guarda, sembra il nipote del tenente Colombo. Vuole fare la commissione che regolarizzi i rimborsi elettorali? Lui? Uno del Pdl? Siamo al 60% dei condannati, pregiudicati, patteggiati, che ci sono al governo fanno parte del Pdl…ma stiamo scherzando? E quell’altro… Bersanetto: è 20 anni che è lì e ha detto tutto e il contrario di tutto».
«Adesso», ha continuato, «si accorgono che ci sono i rimborsi elettorali….noi non li abbiamo presi, ci spettavano 1 milione e 700 mila euro. Ne avremmo avuti bisogno ma li abbiamo lasciati».
Poi lo spazio agli appelli, sempre in stile ‘Grillo’: «con noi fate un salto nel buio, ma con loro è un suicidio assistito».
«Questo paese è fallito, siamo in mano alle banche, abbiamo il costo del lavoro più altro d’Europa e paghiamo le tasse più alte d’Europa. Facciamo l’articolo 18 bis, abbiamo la più alta percentuale di immigrati dopo la Romania, esportiamo laureati e importiamo manovali, ma siamo impazziti. Sono andato a Cambridge e chi insegnava filologia inglese a Cambridge? Una ragazza napoletana di 28 anni meravigliosa. Tornerebbero tutti indietro ma hanno bisogno di prospettive. Non hanno una idea che non sia calcestruzzo, palazzi vuoti e costruiscono, città depresse»

LA TRUFFA DEL GRILLO
A Montesilvano Beppe Grillo si è scagliato contro la lista che si chiama ‘Lista del Grillo- No Euro’ di Renzo Rabellini. «State molto attenti», ha detto il genovese dal palco, «perché fanno i loghi finti…’i grilli parlanti’, ‘il grillo no euro’…queste cagate qua che sono fuori legge, i magistrati dovrebbero applicare la legge. Non puoi mettere il mio nome … poi mettono il capolista che si chiama Beppe Grillo. Se ci fosse una giustizia a questo mondo prenderesti questi e li manderesti via a calci in culo perché aspirano all’1% per ottenere i rimborsi elettorali. State attenti»