SANITA'

Censis, sempre meno soldi pubblici per la sanità mentre peggiorano i servizi

Aumenta di riflesso la spesa dei privati che devono pagarsi medicine ecure di tasca prorpia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

961

Censis, sempre meno soldi pubblici per la sanità mentre peggiorano i servizi
ROMA. Peggiora la qualita' della sanita', soprattutto nelle Regioni dove i tagli sono maggiori.

Lo rivela una ricerca del Censis, secondo cui per il 31,7% degli italiani il Servizio sanitario della propria Regione e' peggiorato negli ultimi due anni (lo pensava il 21,7% nel 2009), per il 55,3% tutto e' rimasto uguale a prima, e solo per il 13% c'e' stato un miglioramento (ne era convinto il 20,3% nel 2009). I cittadini che parlano di un peggioramento sono il 18,7% in piu' di quelli che avvertono un miglioramento. Nel Mezzogiorno (38,5%) e al Centro (34,2%) sono piu' alte le percentuali di persone che lamentano un peggioramento della sanita'.
 Nelle Regioni con Piano di rientro, piu' del 38% degli intervistati afferma che la sanita' e' peggiorata nei due anni precedenti e solo meno dell'8% dichiara che e' migliorata (con un saldo tra miglioramento e peggioramento molto negativo, pari a -31%). Nelle Regioni senza Piani di rientro i cittadini che parlano di un peggioramento sono il 23,3%, mentre per il 19,4% c'e' stato un miglioramento. La sanita', rivela il Censis, peggiora dunque nelle Regioni in cui i Piani di rientro hanno imposto controlli rigidi della spesa e tagli a servizi e prestazioni: in queste Regioni si spende meno rispetto al passato, ma per ora non si spende meglio.
E' stimato in 17 miliardi di euro nel 2015 il gap cumulato totale tra le risorse di cui ci sarebbe bisogno per coprire i bisogni sanitari dei cittadini e i soldi pubblici che presumibilmente il Servizio sanitario nazionale avra' a disposizione.
Al dato della spesa pubblica sempre meno adeguata si deve accostare quello della spesa privata che è sempre piu' alta. Con 30,6 miliardi di euro sborsati di tasca propria dei cittadini per la salute: cifra salita dell'8% rispetto al periodo di crisi 2007-2010.