Costa Concordia, quando Schettino sfiorava Procida

Nella “memoria” del web le parole scritte sul sito della Costa Crociere

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5725

Costa Crociere

La foto della pagina recuperata

ISOLA DEL GIGLIO. «Un comandante di grande professionalità e disponibilità».


ISOLA DEL GIGLIO. «Un comandante di grande professionalità e disponibilità».
E’ il ritratto del comandante di Costa Concordia, Francesco Schettino, un anno fa alla guida di Costa Concordia nella crociera “Profumi di Mediterraneo’’. In un post sul blog ufficiale, Costa Crociere elogia il capitano e quel suo avvicinamento trionfale all’isola di Procida per il saluto di rito.
 Un post rimasto nelle maglie del web, nella memoria cache. Quella «simpatica tradizione normalissima», come la definisce il Der Spiegel  si ripeteva a Procida, all’isola del Giglio e chissà in quanti altri posti.
Il post risale al 26 settembre 2010, ore 15.00. E’ una certa Amalia, del Team di Costa Crociere a pubblicarlo sul blog ufficiale.
«La Costa Concordia», si legge, «che per la stagione estiva sta effettuando la crociera ‘’Profumi di Mediterraneo’’, 7 magnifici giorni per visitare Tunisia, Baleari, Spagna e Francia, il 30 agosto 2010 prima dell’arrivo a Napoli previsto intorno alle 13.00, ha omaggiato con il suo saluto e con la sua breve sosta nella rada della Corricella, l’isola di Procida, tutto ciò grazie al Comandante Francesco Schettino, di Meta di Sorrento».
E poi si passa alla descrizione di quei momenti di festa tra procidani, natanti di ogni genere e turisti che accolgono la nave «con applausi, striscioni, musica trombette e vuvuzelas, a bordo di motoscafi, pescherecci; i passeggeri muniti di macchine fotografiche e telecamere per immortalare quel momento unico, e festeggiare e salutare con bandiere e fazzoletti».
Un’ operazione coordinata dalla costa e a bordo. «L’arrivo della nave», seguita il post, «è stato annunciato da 10 colpi di mortaio ai quali Costa Concordia ha risposto con 3 fischi di sirena, rituale di saluto». E poi le parole di gioia del primo ufficiale di coperta originario di Procida: «una festa, un atto d’amore e un omaggio alla tradizione marinara che procidani e sorrentini hanno nel dna».
I commenti al post esprimono grande entusiasmo. «E’ proprio vero», dice un’utente, «tutto ciò non poteva essere che merito del comandante Schettino, persona di grande professionalità e disponibilità!! Peccato che non ero a bordo di Concordia....!!!! Sarà per la prossima volta....!!! ».
«Due gioielli in un attimo solo... Concordia e Procida!», commenta un altro, «due chicche di una bellezza inconfondibile. Fare questo omaggio ad una location come lo é Procida, fa ben capire il legame che ha la compagnia Costa verso la città, e la regione partenopea. Per quelli che hanno potuto godere di questo momento fascinoso e festeggiare sia da mare che da terra», poi, la chiusa finale, «beati voi!!», che ora suona come una beffa.
Marirosa Barbieri