In orbita il satellite che porta Internet veloce in tutta Europa

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3428

ROMA.  Al nastro di partenza il satellite Ka-Sat, il primo in grado di diffondere l'accesso a Internet ovunque in Europa e nelle aree del Nordafrica e Medio Oriente, e con costi accessibili.

Da domani sarà infatti operativo e pronto a mantenere la promessa rivoluzionaria di quello che oggi a Roma il presidente di Eutelsat, Giuliano Berretta, ha definito il «Big Bang di Internet ad alta velocità via satellite». Un servizio, ha osservato, che potrebbe giocare un ruolo decisivo nel combattere il divario digitale. Oltre che in Italia, l'evento è stato presentato contemporaneamente in Irlanda, Gran Bretagna, Germania, Spagna, Francia e Grecia. Lanciato il 26 dicembre scorso e costato 350 milioni di euro, il satellite Ka-Sat resterà in funzione per 16 anni.

«E' il primo satellite che riesce a dare l'accesso alla banda larga al presso dell'Adsl», ha detto ancora Berretta, ed é in linea con l'obiettivo dell'Unione Europea di garantire l'accesso a Internet per tutti nel 2013. Secondo le stime di Eutelsat, i potenziali utenti in Europa sono complessivamente 700.000, 200.000 dei quali in Italia. Si apre inoltre la possibilità della tv regionale, come della tv interattiva. Si ritiene che oggi in Europa almeno 17 milioni di case abbiano un accesso alla banda larga inferiore a 2 Megabit per secondo (Mbps) e 13 milioni non abbiano nessuna connessione. In Italia sono oltre 1,7 milioni le case non raggiunte dalla banda larga e 2,9 milioni hanno un accesso massimo di 2 Mbps. E' un problema «diffuso ovunque nel Paese, dalla Pedemontana Veneta a decine di Comuni lombardi, alla Sicilia. Quasi tutte le regioni sono toccate», ha osservato il capo dipartimento della Funzione pubblica per l'Innovazione tecnologica, Renzo Turatto.

«Il vero problema - ha osservato - sono i servizi online della pubblica amministrazione a livello locale, nei quali siamo in evidente ritardo».

 Il problema maggiore che finora ha impedito di portare ovunque la banda larga è stato l'alto costo necessario per la messa in opera. Con l'arrivo di Ka-Sat, ha osservato Berretta, l'accesso a Internet via satellite è possibile a costi accessibili sia per piccole aziende sia per le famiglie: sono sufficienti un modem e un parabola da 77 centimetri. Ka-Sat segna quindi il via ufficiale alle connessioni internet ad alta velocità via satellite, forte delle esperienze pilota fatte con due satelliti dedicati parzialmente a questo obiettivo: HotBird 6 e Hot Bird 3. Questi ultimi hanno raggiunto oltre 20.000 utenti in Europa, 2.000 dei quali in Italia, con la connessione TooWay. A distribuire il segnale dal satellite saranno 10 stazioni in tutta Europa, da Helsinki ad Atene. L'Italia è presenta con bem 3 stazioni: a Torino, Udine e Palermo. Ancora in Italia, a Cagliari, si trova il cuore del sistema, ossia il Teleporto che costituisce il centro di controllo dell'intero sistema.

01/06/2011 19.42