LA CARTOLINA

L’Abruzzo al 5° posto tra i luoghi con la migliore qualità di vita al mondo

Lo dice l’Huffington post Usa che decanta la cartolina della nostra regione

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

8951

L’Abruzzo al 5° posto tra i luoghi con la migliore qualità di vita al mondo

 

ABRUZZO. Zitti. Zitti. Forse non tutto è perduto. Nel resto del mondo c’è ancora qualcuno che vede l’Abruzzo come terra dei parchi, verde incontaminato, mare cristallino e puro tra spiagge dorate e monti maestosi innevati, un Bengodi del turismo balneare e montano, tra sport e fauna, divertimento e comfort.

Zitti Zitti forse nel resto del mondo non è ancora arrivata la notizia che qui da anni la politica sta facendo sfaceli con cemento, fogne e trivelle.

Zitti e non ditelo a quelli dell’Huffington post edizione internazionale che alcuni giorni fa aveva stilato una incredibile classifica dei posti più vivibili al mondo… al mon-do. Ebbene al quinto posto ci sarebbe proprio l’Abruzzo.

Non vogliamo sapere come si è arrivati a queste conclusioni e non vogliamo mettere in dubbio quanto scritto, del resto il dato che emerge prepotente è che l’Abruzzo, nonostante la pessima classe politica che ha governato negli ultimi venti anni (che ha di fatto impoverito e deturpato tante bellezze naturali) non è riuscita a distruggere quell’immagine faticosamente creata della nostra regione come Regione dei parchi.

 

Nella ricerca sui 12 migliori posti al mondo in cui andare a vivere o ritirarsi in pensione, c’è  l'Abruzzo del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Parco nazionale della Majella e il Parco regionale Sirente Velino.

Al primo posto tra le regioni dove si vive meglio c'è Algarve (Portogallo), seguono: Cayo (Belize), Medellin (Colombia), Pau (Francia), l'Abruzzo, George Town (Malaysia), Las Terrenas (Repubblica Domenicana), Cuenca (Ecuador), Chiang Mai (Thailandia), Puerto Vallarta (Messico), Granada (Nicaragua) e City Beaches (Panama).

Nell’articolo Kathleen Peddicord scrive che a seconda della stagione si può sciare o fare il bagno. La Regione Abruzzo, al quinto posto della classifica, agli occhi degli americani sembra essere uno dei tesori segreti d'Italia. Un risultato dovuto al mancato sovraffollamento, dal fatto che non ci sono industrie pesanti, ma solo castelli, vigneti e villaggi in pietra.

Questa terra non è cambiata molto spiega nell'articolo Kathleen Peddicord. Vecchie signore in grembiule se ne stanno sedute fuori di casa a spettegolare sul resto del paese mentre sistemano le cipolle a mo' di trecce. I ragazzi giocano a calcio all'aperto e non bivaccano sul divano con un joystick in mano. Le famiglie sarebbero più orientate a fare acquisti nei mercati all'aperto e meno negli ipermercati e se non producono vino, lo comprano dai vigneti locali. In Abruzzo, il cibo è una componente importante. Nella maggior parte delle trattorie le pietanze sono cucinate in casa, proprio come facevano le nonne. Sulla costa, i piatti tipici sono a base di pesce, mentre nell'entroterra primeggia il capretto al forno, l'agnello e la carne di cinghiale.

In questa regione, conclude Peddicord, una coppia può vivere la propria pensione con meno di duemila dollari al mese, affitto compreso.

Abruzzo regione bellissima, incontaminata, verde e pura.

Zitti, zitti, sappiamo tutti che è proprio così…