SOCIAL NETWORK

Facebook, basta errori: arriva la modifica ai commenti. Ecco come

Ogni giorno 14 mln di italiani sul sito di Zuckerberg

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

4701

Facebook, basta errori: arriva la modifica ai commenti. Ecco come
INTERNET. Stop a errori e refusi nei commenti su Facebook. E soprattutto basta con le doppie o triple notifiche quando qualcuno sbaglia e cancella un commento nella nostra bacheca. Il social network di Zuckerberg ha finalmente deciso - copiando Google+ - di dare la possibilità agli utenti di modificare i propri commenti, senza dover necessariamente cancellarne uno per poterlo riscrivere.

La novità sarà disponibile a tutti gli utenti già nei prossimi giorni. Attenzione però, qualsiasi cosa scritta su Facebook resta per sempre. Il social network infatti conserverà una cronologia di tutte le modifiche apportate ai commenti di un post.
Per apportare la modifica che ci interessa si dovrà avvicinare il puntatore del mouse nel box dove è presente il commento da correggere.
Poi si dovrà cliccare sulla ‘matita’ dell’editing e scrivere il nuovo testo. Ultimo passaggio: premere il pulsante “modificato” per accedere alla cronistoria dei cambiamenti effettuati.
Ogni giorno in Italia 14 milioni di persone si connettono a Facebook. Il dato e' stato fornito da Luca Colombo, country manager di Facebook Italia. Colombo ha sottolineato che le aziende editoriali della penisola «tendono non a conversare, ma a trasmettere informazioni ai propri lettori»; rispetto al resto del mondo c'e' una limitata integrazione delle testate tradizionali con Facebook, con i suoi 'oggetti' che permettono di condividere un articolo o altri contenuti audio e video.
Basti pensare che il Guardian ha il 25% di traffico attraverso Facebook in modalità gratuita con una forte integrazione di componenti di prodotto. Sulla stessa lunghezza d'onda Marco Formento, global digital director di De Agostini Editore, che ha parlato di ecosistemi informativi ormai orientati al digitale. Oggi i social network sono veicoli dell'informazione e fa già testo il 50% del traffico di repubblica.it che passa tramite Facebook.