Il nuovo sito web del ministero sul cinema italiano: più notizie, più film, più trasparenza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4207

.

<p>INTERNET.  Ci siamo. Il ministero per i Beni e le attività culturali ha  rilanciato&nbsp; il sito web della direzione generale per il cinema,  adeguandolo ai principi di&nbsp; accessibilità e trasparenza.</p>

Il portale,  in rete all'indirizzo  www.cinema.beniculturali.it, promuove lo sviluppo e la  diffusione del cinema italiano. Navigando sul sito, i cittadini ed i curiosi  troveranno  le iniziative e gli appuntamenti più importanti: i festival in programmazione, i  trailer dei film in uscita e molto altro. Migliora anche la funzionalità  visto che si conforma alla direttiva n.8 del 2009 del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione che stabilisce il contenuto obbligatorio dei siti istituzionali.

 Da  oggi ci si può orientare meglio grazie ad una serie di servizi accessibili dalla home page: la voce bandi e concorsi, l’ ufficio relazioni col pubblico, l’indirizzo di  posta elettronica certificata, agevolazioni fiscali, procedure, modulistica, uffici di riferimento,  documenti su delibere, istruttorie e scadenze.

Un apposito vademecum in rete e' riservato alle agevolazioni fiscali (tax credit e tax shelter) per produttori cinematografici ed addetti al settore.

Una sezione a parte  è dedicata all’operazione trasparenza, spazio in cui, stando al decreto legislativo 150 del 2009, dovrebbero essere pubblicati gli stipendi ed i curricula dei dirigenti della Direzione generale del cinema. Al momento però, la pagina è ancora vuota, mentre sono specificati i tassi di assenza e presenza del personale.

Buone notizie per i cinefili più incalliti. A  loro disposizione ci sono due specifici motori di ricerca, grazie ai quali e' possibile conoscere i film che hanno ottenuto l'autorizzazione alla proiezione in sala dalla Commissione di Revisione e i titoli qualificati d'essai. Così come è a disposizione  dgCinews, periodico distribuito in rete agli abbonati. Una delle novità più importanti è però l’ ingresso della direzione generale del cinema nei social network. Su Facebook, Twitter, e youtube.

Anche il cinema italiano è diventato a portata di “web”.

m.b.  25/03/2011 11.04