Skype in crash, l'allarme su Twitter. L'azienda: «colpa dei 'super nodi'»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

10230

.

WEB. Oltre 16 milioni di persone in tutto il mondo utilizzano Skype il sistema voip per telefonare in maniera gratuita dal proprio computer. Eppure da circa 30 minuti il servizio è andato in crash. I motivi non sono ancora chiari ma tutto il mondo si sta interrogando su cosa sia accaduto.

E le conversazioni impazzano soprattutto su Twitter, popolarissimo social Network (in Italia meno noto di Facebook ma molto popolare in tutto il resto del mondo).

I ''cinguettii'' sull'argomento (ovvero i messaggi non superiori a 160 caratteri che ogni iscritto a Twitter può lasciare) sono già un centinaio.  Dal Giappone, dall'America, da mezza Europa a l'Italia compresa, gli utenti si interrogano su cosa sia potuto accadere. Sta di fatto che si parla di messagi di errore e di crash improvviso del programma in diverse versoni ma basta riavviare perchè riprenda a funzionare apparentemente correttamente.

In molti si interrogano sulla possibilità di un virus che possa aver infettato i pc attraverso Skype ma non c’è alcuna notizia al riguardo al momento.

Qualcuno sostiene che già da qualche giorno il sistema avesse qualche problema. Dal canale ufficiale, sempre su Twitter, però ancora nessuna informazione. L'ultimo Tweet di Skype lancia la promozione del momento e invita gli utenti a «mangiare, bere, essere felici facendo telefonate gratuite per un mese». Insomma augura un buon Natale.

Non mancano critiche e sfottò. «stare senza Skype è come essere in ferie! dovrebbero farlo per legge! un downtime ogni 2 mesi di 12 ore», scrive qualcuno, «Skype è morto viva Skype», aggiungono altri. E poi ancora frasi come «Skype è in crash, ora ci manderemo messaggi con i piccioni», «sono andati già in ferie», «non vorrei essere allarmista ma siamo fritti senza Skype»

22/12/2010 17.38  

RITORNO VERSO LA NORMALITÀ, SKYPE: «STIAMO ACCERTANDO LE CAUSE»

Dopo quasi un'ora dal black out che ha investito Skype la situazione sta tornando lentamente alla normalità anche se, come si intuisce sempre dai messaggi di Twitter, in alcuni paesi l'emergenza persiste. Intanto da Skype, tramite il social network, fanno sapere di aver ricevuto diverse segnalazioni inerenti l'improvviso crash. «Siamo spiacenti per l'interruzione», cinguettano su Twitter, «stiamo cercando di stabilire le cause»

22/12/10 18.15

NUOVO CRASH

Alle 19 italiane nuovo crash per Skype che ricorderà questo come il suo giorno nero. Il sito ufficiale del servizio, intanto, informa che gli ingegneri sono al lavoro per risolvere il problema ed entro poco il problema dovrebbe essere risolto. Quale problema, però, non è ancora chiaro. Sempre grazie a Twitter si ha la conferma che il problema ha investito utenti da ogni parte del mondo. 

22/12/10 19.34

«COLPA DEI SUPER NODI»

Arriva in serata la spiegazione tecnica di quello che è accaduto a Skype e la si può leggere nel sito ufficiale del programma di telefonate Voip. L'azienda in pratica spiega che proprio oggi si erano resi conto che il numero delle persone on line stava diminuendo. Un picco «non comune né prevedibile» così hanno cominciato ad indagare.

E si spiega che la rete di Skype non è uguale a quella del telefono tradizionale ma si basa su «milioni di singole connessioni tra computer e telefoni. Alcuni di questi computer sono ciò che noi chiamiamo 'supernodi' - si comportano un po' come le directory dei telefono. In circostanze normali, ci sono un gran numero di supernodi disponibili. Purtroppo,oggi, molti di loro sono stati messi offline da un problema che affligge alcune versioni di Skype».

Cosa si sta facendo per migliorare la situazione? «I nostri ingegneri», spiega ancora l'azienda, «stanno creando nuovi 'mega-supernodi' più in fretta possibile. Ciò dovrebbe far tornare gradualmente la situazione alla normalità. Questa operazione potrebbe richiedere alcune ore, e ciscusiamo per l'interruzione per le vostre conversazioni.  Alcune funzionalità, come le videochiamate di gruppo, potrebbero richiedere più tempo per tornare alla normalità».

22/12/10 20.50